Giacomo Leopardi – Diario del primo amore

Io cominciando a sentire l’impero della bellezza, da più d’un anno desiderava di parlare e conversare, come tutti fanno, con donne avvenenti, delle quali un sorriso solo, per rarissimo caso gittato sopra di me, mi pareva cosa stranissima e meravigliosamente dolce e lusinghiera; e questo desiderio della mia forzata solitudine era stato vanissimo fin qui. • Leggi tutto »


Giacomo Leopardi – Appressamento della morte

CANTO I Era morta la lampa in Occidente, E queto ‘l fumo sopra i tetti e queta De’ cani era la voce e de la gente: Quand’i’ volto a cercare eccelsa meta, Mi ritrova’ in mezzo a una gran landa, Bella, che vinto è ‘ngegno di poeta. Spandeva suo chiaror per ogni banda La sorella • Leggi tutto »



Giacomo Leopardi – Virtù indiana

Interlocutori Muhamed Imperatore del Mogol. Amet–Schah Figlio di Muhamed. Nizam Vicerè di Golgonda. Zarak Confidente di Muhamed. Osnam Confidente di Amet–Schah. Ibraimo Confidente di Nizam. Guardie e Soldati. Atto I Scena 1 Appartamenti reali. Muhamed e Nizam. MUHAMED Ah no, mio fido, del mio cuore oppresso L’affanno mitigar tu cerchi invano; Il mio regno cadrà, • Leggi tutto »


Giacomo Leopardi – Pompeo in Egitto

Vinto Pompeo a Farsaglia, partì per Larissa, donde s’incamminò per la vallata di Tempe; e, giunto ad Anfipoli, fece pubblicare un editto, col quale comandò a tutta la gioventù della provincia di portarsi armata appresso di lui. Avendo però inteso che Cesare, il quale lo inseguiva, non era molto lontano, partì per Mitilene; dove giunto, • Leggi tutto »


Paediatricians from Taranto and its province say: it is necessary to intervene in order “to avoid the dangerous exposure of children to environmental pollutants” and to “guarantee a safe environment to pregnant women”

from: peacelink.it On 12th July 2014, paediatricians from Taranto and its province made a statement on the data of the S.E.N.T.I.E.R.I. 2014 report (made by the National Health Institute), agreed and signed by the Presidency and the Commission for the Environment and Health of the Order of Doctors and Dentists of Taranto too


Francesco Petrarca – Testamentum

Sepe de eo mecum cogitans de quo nemo nimis, pauci satis cogitant, de novissimis scilicet ac de morte — que cogitatio neque superflua esse potest neque nimium festina, cum et mors omnibus certa sit et hora mortis incerta —, utile et honestum credo, antequam me morbus impediat vel mors ipsa, que propter varios et ambiguos • Leggi tutto »


Antonio Pucci – Proprietà di Mercato vecchio

I’ ho vedute già dimolte piazze per diverse città; ma de’ vicini vo’ ragionar, lasciando l’altre razze. Bella mi par quella de’ perogini, di molte cose adorna per ragione, e anche la fan bella i fiorentini; ma dell’altre città non far menzione; che, se ‘l ti bisognasse per tuo scampo, trovar non vi potresti un • Leggi tutto »


Ludovico Ariosto – Anima eletta, che nel mondo folle

Anima eletta, che nel mondo folle e pien d’error sì saggiamente quelle candide membra belle reggi, che ben l’alto disegno adempi del Re degli elementi e de le stelle, che sì leggiadramente ornar ti volle, perch’ogni donna molle e facile a piegar ne li vizi empi, potessi aver da te lucidi essempi, che, fra regal • Leggi tutto »



Ludovico Ariosto – Dopo mio lungo amor, mia lunga fede

Dopo mio lungo amor, mia lunga fede, e lacrime e suspiri ed ore tetre, deh! sarà mai che da Madonna impetre al mio leal servir qualche mercede? Ella vede ch’io moro, e che nol vede finge, come disposta alla mia morte. Ahi dolorosa sorte, che di sua perfezion cosa sì bella manchi, per esser di • Leggi tutto »


Ludovico Ariosto – Quante fiate io miro

Quante fiate io miro i ricchi doni e tanti che ‘l Ciel dispensa in voi sì largamente, altre tante io sospiro; non che ‘l veder che inanti a tutte l’altre donne ite ugualmente mi percuota la mente d’invidia: ché a ferire in molto bassa parte, se la ragion si parte da un alto oggetto, mai • Leggi tutto »



Ludovico Ariosto – Dove è tagliato, in man lo raccomanda

Dove è tagliato, in man lo raccomanda a Pinabello, e poscia a quel s’apprende: prima giù i piedi ne la tana manda, e su le braccia tutta si suspende. Sorride Pinabello, e le domanda come ella salti; e le man apre e stende, dicendole: – Qui fosser teco insieme tutti li tuoi, ch’io ne spegnessi • Leggi tutto »


William Wordsworth – Perfect Woman

She was a phantom of delight When first she gleam’d upon my sight; A lovely apparition, sent To be a moment’s ornament; Her eyes as stars of twilight fair; Like twilight’s, too, her dusky hair; But all things else about her drawn From May-time and the cheerful dawn; A dancing shape, an image gay, To • Leggi tutto »


William Wordsworth – The Sun Has Long Been Set

The sun has long been set, The stars are out by twos and threes, The little birds are piping yet Among the bushes and trees; There’s a cuckoo, and one or two thrushes, And a far-off wind that rushes, And a sound of water that gushes, And the cuckoo’s sovereign cry Fills all the hollow • Leggi tutto »



William Wordsworth – It is a beauteous evening, calm and free

It is a beauteous evening, calm and free, The holy time is quiet as a Nun Breathless with adoration; the broad sun Is sinking down in its tranquility; The gentleness of heaven broods o’er the Sea; Listen! the mighty Being is awake, And doth with his eternal motion make A sound like thunder—everlastingly. Dear child! • Leggi tutto »



William Wordsworth – Surprised by Joy

Surprised by joy—impatient as the Wind I turned to share the transport—Oh! with whom But Thee, deep buried in the silent tomb, That spot which no vicissitude can find? Love, faithful love, recalled thee to my mind— But how could I forget thee? Through what power, Even for the least division of an hour, Have • Leggi tutto »