Francesco Petrarca – Pien d’un vago penser che me desvia

Pien d’un vago penser che me desvia da tutti gli altri, et fammi al mondo ir solo, ad or ad ora a me stesso m’involo pur lei cercando che fuggir devria; et veggiola passar sí dolce et ria che l’alma trema per levarsi a volo, tal d’armati sospir’ conduce stuolo questa bella d’Amor nemica, et • Leggi tutto »




Francesco Petrarca – S’i’ fussi stato fermo a la spelunca

S’i’ fussi stato fermo a la spelunca là dove Apollo diventò profeta, Fiorenza avria forse oggi il suo poeta, non pur Verona et Mantoa et Arunca; ma perché ‘l mio terren piú non s’ingiunca de l’humor di quel sasso, altro pianeta conven ch’i’ segua, et del mio campo mieta lappole et stecchi co la falce • Leggi tutto »





Francesco Petrarca – Lieti fiori et felici, et ben nate herbe

Lieti fiori et felici, et ben nate herbe che madonna pensando premer sòle; piaggia ch’ascolti sue dolci parole, et del bel piede alcun vestigio serbe; schietti arboscelli et verdi frondi acerbe, amorosette et pallide vïole; ombrose selve, ove percote il sole che vi fa co’ suoi raggi alte et superbe; o soave contrada, o puro • Leggi tutto »



Francesco Petrarca – Amor et io sí pien’ di meraviglia

Amor et io sí pien’ di meraviglia come chi mai cosa incredibil vide, miriam costei quand’ella parla o ride che sol se stessa, et nulla altra, simiglia. Dal bel seren de le tranquille ciglia sfavillan sí le mie due stelle fide, ch’altro lume non è ch’infiammi et guide chi d’amar altamente si consiglia. Qual miracolo • Leggi tutto »


Francesco Petrarca – In qual parte del ciel, in quale ydea

In qual parte del ciel, in quale ydea era l’exempio, onde Natura tolse quel bel viso leggiadro, in ch’ella volse mostrar qua giú quanto lassú potea? Qual nimpha in fonti, in selve mai qual dea, chiome d’oro sí fino a l’aura sciolse? quando un cor tante in sé vertuti accolse? benché la somma è di • Leggi tutto »



Giosuè Carducci – E voi, se fia che l’imminente possa

E voi, se fia che l’imminente possa Deprechiate e del fato empio le guerre, Voi non avrete a cui regger si possa Vostra vecchiezza quando orba si atterre. Soli del figliuol vostro in su la fossa Quel dí che i dolorosi occhi vi serre Aspetterete. O forse no. Son l’ossa Sparse de’ nostri per diverse • Leggi tutto »




Giosuè Carducci – Cara benda che in van mi contendesti

Cara benda che in van mi contendesti Nera il candido sen d’Egeria mia, Spoglia già glorïosa, or ne’ dí mesti De le gioie che fûr memoria pia: Tu sol di tanto amore oggi mi resti, E l’inganno mio dolce anche pería; Ond’io te stringo al nudo petto, e questi Freddi baci t’imprimo. Ahi, ma la • Leggi tutto »


Giosuè Carducci – E degno è ben, però ch’a te potei

E degno è ben, però ch’a te potei, Lasso!, chinar l’ingegno integro eretto, S’ora in gioco tu volgi, e lieto obietto L’ire, o donna, ti sono e i dolor miei. Io quel dí che mie voglie a te credei Pur vagheggiando accuso; e strappo e getto Tua terribile imagine dal petto In van: tu meco, • Leggi tutto »



Giosuè Carducci – Nè mai levò sí neri occhi lucenti

Nè mai levò sí neri occhi lucenti Saffo i preghi cantando a Citerea, Quando nel petto e per le vene ardenti A lei sí come nembo amor scendea; Né désti mai sí molli chiome a’ venti, Corinna, tu sovra l’arena elea, Quando sotto le corde auree gementi Fremeati il seno e a te Grecia tacea: • Leggi tutto »