AFRICA/BENIN – Tensioni alla vigilia del voto; i Vescovi ammoniscono: “La pace è un fiore fragile”

Cotonou – “Dopo tre decenni di esperienza democratica, il Benin si trova di fronte ad una situazione inedita: delle elezioni legislative alle quali partecipano solo due partiti della stessa area politica” scrivono i Vescovi del Benin nel loro messaggio dal titolo “La pace: un fiore fragile”, pubblicato a pochi giorni dalle elezioni legislative del 28 aprile. La scadenza elettorale è al centro di tensioni e polemiche dopo che, il 5 marzo, la Commissione Elettorale Nazionale Indipendente , ha pubblicato l’elenco dei partiti che potranno partecipare alle elezioni. Sono stati selezionati solo due partiti, progressisti e repubblicani, entrambi vicini al Presidente Patrice Talon.
Nel messaggio della Conferenza Episcopale si ricorda che il Presidente Talon ha incaricato il Presidente dell’Assemblea Nazionale di una missione esplorativa per pervenire a “un testo di leggi derogatorie” affinché le elezioni del 28 aprile siano “inclusive, trasparenti, democratiche e credibili”. I Vescovi hanno accompagnato la ricerca dell’accordo invitando i fedeli alla preghiera e al digiuno attraverso il loro messaggio per la Quaresima .
Di fronte al fallimento di questo tentativo i Vescovi chiedono ora ai rappresentanti delle istituzioni di fare di tutto perché le elezioni si svolgano pacificamente e perché la pace sia preservata, mentre invitano i fedeli alla preghiera e al digiuno specie durante il Triduo Pasquale.

da: www.fides.org
I contenuti del sito sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale