Make us Happy! Subscribe our YouTube Channel. We don't accept donations, and this is the best way to sustain our work.
Scarica subito gratis il file PDF del testo della trasmissione

AFRICA/CAMERUN – Studenti e scuole presi di mira nelle regioni separatiste anglofone

Yaoundé – C’è anche una scuola cattolica tra gli istituti scolastici attaccati nelle ultime settimane nella regione sud-occidentale del Camerun. L’8 e l’11 febbraio, alcuni gruppi armati hanno bruciato due scuole, rispettivamente la scuola primaria pubblica di Molyko a Buea e il college cattolico Queen of Rosary a Mamfe. Questi due incidenti sono soli gli ultimi di numerosi attacchi a studenti, personale educativo e locali scolastici, che hanno privato più di 700.000 studenti del loro diritto a un’istruzione adeguata e sicura nelle regioni nord-occidentali e sud-occidentali.
Le regioni di lingua inglese del nord-ovest e del sud-ovest del Camerun, sono in preda da cinque anni a un conflitto per separarsi dal resto del Paese, a maggioranza francofono, e formare una nuova nazione chiamata dai separatisti Ambazonia. Le due regioni appartengono alla provincia ecclesiastica di Bamenda, i cui Vescovi un un comunicato della scorsa settimana, hanno osservato “con profondo dolore e rammarico il deterioramento della situazione sociopolitica che si è verificata da molto tempo nelle regioni del Nord Ovest e del Sud Ovest”.
I Vescovi hanno espresso “solidarietà ai sofferenti, gli oppressi, gli sfollati e i rifugiati” e hanno affermato che continueranno a “condannare i metodi violenti per risolvere le controversie, perché la violenza di solito porta a maggiori sofferenze e “chi prende la spada perirà di spada”. I Vescovi hanno affermato di condividere “i dolori e le ansie, le gioie e le speranze del loro popolo” e hanno invocato “nostra Signora di Lourdes, affinché interceda per tutti i nostri fratelli e sorelle malati e per tutti noi nella nostra ricerca di una giustizia duratura e della pace”.
Almeno 4000 persone sono morte nel conflitto e più di un milione è stato costretto a fuggire dalle proprie case, secondo le stime dell’ONU. Tra gli sfollati il 54%, sono donne e i bambini sono il 60% della popolazione sfollata totale; mentre gli anziani rappresentano il 10% del totale.

Read More

I contenuti del sito fides.org sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale

I nostri audiolibri su Audible