AFRICA/CAMERUN – Ucciso un padre cappuccino centrafricano che opera in Ciad

Yaoundé – Un padre cappuccino di nazionalità centrafricana è stato ucciso in Camerun mentre rientrava nella sua fraternità di Mbaibokoum in Ciad.
Secondo quanto comunicato all’Agenzia Fides dalla Custodia Generale dei Cappuccini per il Ciad e la Repubblica Centrafricana, p. Toussaint Zoumaldé si era recato nella diocesi di Bouar, nella parte occidentale del Centrafrica, della quale era originario, per animare un corso di formazione per i sacerdoti locali. Il cappuccino aveva poi preso la via del ritorno nella sua fraternità in Ciad passando per il Camerun. Nella notte tra il 19 e il 20 marzo ignoti lo hanno assalito e ucciso a colpi di arma bianca a Ngaoundéré dove si era fermato per riposare. Al momento i suoi assassini sono introvabili.
P. Toussaint ha lavorato a lungo come giornalista presso Radio Siriri della diocesi di Bouar ed ha composto diversi cantici religiosi.
La tragica morte di p. Toussaint Zoumaldé è avvenuta negli stessi giorni della scoperta del corpo di don Clement Rapuluchukwu Ugwu, un sacerdote nigeriano rapito una settimana fa nello Stato di Enugu, e della scomparsa in Burkina Faso di don Joël Yougbaré, parroco di Djibo .

da: www.fides.org
I contenuti del sito sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale