AFRICA/COSTA D’AVORIO – La Giornata Mondiale dei Poveri tra iniziative di carità e un invito alla solidarietà

 18 total views,  1 views today

Abidjan – Con un appello alla carità e con iniziative di solidarietà verso gli indigenti e i vulnerabili, si è svolta ieri in molte diocesi della Costa d’Avorio la V edizione della Giornata mondiale dei poveri, istituita da Papa Francesco al termine del Giubileo della Misericordia nel 2017. Mons. Bruno Essoh YEDOH, vescovo di Bondoukou, presidente della Commissione episcopale del Servizio per lo sviluppo umano integrale, ha esortato i fedeli ad essere attenti ai bisogni dei poveri durante la celebrazione ufficiale tenutasi nella parrocchia di Nostra Signora dell’Assunzione di Koumassi Prodomo nella diocesi di Grand-Bassam.
A questa esortazione hanno fatto eco le parole di padre Norbert-Éric ABEKAN, segretario Esecutivo Nazionale della Commissione Giustizia, Pace e Ambiente, che ha denunciato la mancanza di solidarietà di alcuni cristiani nei confronti dei loro fratelli e sorelle definendola una vera e propria “piaga”.
Al termine della messa, una delegazione della stessa Commissione si è occupata di portare conforto in diverse modalità ad alcune realtà dove si trovano uomini e donne che vivono sulla propria pelle differenti “povertà”.
Alla base di qualunque gesto materiale c’è stato il desiderio di mostrare la tenerezza della Chiesa, portando aiuto concreto ma anche il conforto umano e spirituale di una parola e l’incoraggiamento di un sorriso, toccando con mano le realtà dei più bisognosi, come nel caso del Centro Oasi gestito dalle Missionarie della Carità e la Fraternità Santa Maria dei Poveri e dei Piccoli.
“Dio è con noi, io per esempio, sono arrivato in questo centro tre anni fa senza la mia famiglia; grazie alle suore di Madre Teresa questo centro è diventato la mia casa” ha commentato uno degli ospiti.
In tutto il Paese, hanno aderito alla Giornata Mondiale dei Poveri con iniziative mirate anche la Caritas diocesana di Yopougon che ha donato non solo cibo a 180 persone tra sordi, ipovedenti e disabili fisici della diocesi.