AFRICA/ETIOPIA – Rilasciati alcuni Salesiani, ai ancora in custodia; aiuti umanitari per l’Emergenza Etiopia

 21 total views,  1 views today

Addis Abeba – Sono 14 le persone tuttora trattenute in custodia dalla polizia etiope, tra religiosi Salesiani, coadiutori, laici, impiegati. Ai sette Salesiani, più una donna impiegata, sono stati rilasciati dalla polizia nella giornata di sabato 13 novembre, e questa mattina sono comparsi davanti a un tribunale e, secondo fonti locali di Fides, dovrebbero essere rimessi in libertà su cauzione.
Nei giorni scorsi, tra i numerosi fermati dagli agenti, anche l’80enne coadiutore Salesiano italiano Cesare Bullo è stato fermato e poi rilasciato, mentre Alberto Livoni, operatore umanitario del VIS , è stato fermato per otto giorni e poi rimesso in libertà.
“Siamo felici di apprendere della liberazione di alcuni nostri fratelli missionari” – commenta all ‘Agenzia Fides il Vescovo di Hosanna, Seyoum Fransua, direttore delle Pontificie Opere Missionarie in Etiopia. “Questa notizia è una prima gioia per tutti noi”, afferma, auspicando un rapido rilascio per tutti coloro che sono ancora in custodia delle autorità.
Secondo fonti di Fides, il governo sta promuovendo un controllo delle realtà di cooperazione internazionale – anche legate alla Chiesa cattolica, come sono le varie attività della Famiglia Salesiana, – per assicurarsi che non promuovano attività politica e che non diano appoggio a gruppi ribelli.
Intanto, in un quadro sociale molto difficile, le opere Salesiane continuano a sostenere i giovani e le loro famiglie, mentre le condizioni si aggravano a causa del conflitto armato che dura da un anno nella regione del Tigray tra l’Esercito etiope e il Fronte di liberazione del popolo del Tigray. Gli aiuti promossi dalle opere sociali Salesiane raggiungono 8.000 famiglie, prestando particolare attenzione alle mamme e ai bambini malnutriti.
La malnutrizione acuta aumenta ogni giorno. Quasi la metà delle donne in gravidanza e in allattamento soffre di malnutrizione acuta e non dispone di assistenza sanitaria a causa del numero di ospedali distrutti. Secondo l’Onu, la carestia generata dalla guerra potrebbe uccidere 100.000 bambini nei prossimi mesi, quando tre persone su quattro non avranno accesso al cibo.
L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari riferisce che 400.000 persone sono stremate e sono sul punto di morire di fame. Ai 7 milioni di persone hanno bisogno di aiuto per sopravvivere nelle regioni di Tigray, Amhara e Afar. Si stima che il conflitto abbia causato due milioni di sfollati interni e più di 100.000 rifugiati fuggiti in Sudan.
In una situazione di grave emergenza, missionari salesiani, laici, volontari, continuano a fornire istruzione, aiuti umanitari e sostegno ai giovani e alle loro famiglie, anche grazie ad aiuti da tutto il mondo. La Procura Missionaria Salesiana di Madrid ha rilanciato l’appello per “L’Emergenza Etiopia”, riportando l’appello di un religioso che così dice: “Genti di ogni condizione sociale bussano alla nostre porte. Ricchi e poveri di chiedono cibo per sopravvivere”. “I missionari Salesiani – si riferisce – hanno trascorso più di tre mesi isolati nelle loro opere a Mekelle, Adigrat, Shire e Adwa, ma non hanno smesso di aiutare la popolazione con quel poco che avevano”. “Il bisogno di cibo aumenta ogni giorno e ogni aiuto che arriva salverà la vita a molte malnutrite. Siamo grati per la solidarietà ricevuta da donatori tutto il mondo. Cerchiamo di ridare speranza ai più sperati”, affermano i religiosi in Etiopia.
L’Etiopia è uno dei paesi più poveri del mondo con oe il 38% della sua popolazione che vive in povertà e il 75% della popolazione non ha accesso all’istruzione.