AFRICA/GHANA – “Sul finanziamento della cattedrale nazionale la pensiamo diversamente dal Ministro delle Finanze” dice il Presidente della Conferenza Episcopale

 92 total views,  1 views today

Accra – “Sebbene i cristiani trarranno i maggiori benefici dalla costruzione della cattedrale, non ci si dovrebbe aspettare che facciano donazioni per sostenerla. Penso che la modalità per finanziare il progetto avrebbe dovuto essere diversa”, ha affermato Sua Ecc. Mons. Philip Naameh
Arcivescovo metropolita di Tamale e Presidente della Conferenza episcopale del Ghana , reagendo alla proposta del Ministro delle finanze, Ken Ofori-Atta, di chiedere alla popolazione di sostenere la costruzione della Cattedrale Nazionale con un contributo mensile di GHC100 .
Mons. Philip Naameh ricorda che “non molto tempo fa il ministro delle Finanze ha presentato la proposta e abbiamo ritenuto che si sarebbero dovute tenere delle consultazione con le chiese del Paese. Ho anche un’opinione diversa sul finanziamento della costruzione della Cattedrale Nazionale”. Secondo lui, tale decisione avrebbe dovuto essere presa insieme alle varie confessioni che avrebbero potuto proporre un’alternativa al progetto del Ministro.
L’Arcivescovo d Tamale che appoggia con entusiasmo la costruzione della cattedrale ha osservato che tra pochi giorni la Conferenza episcopale presenterà un’alternativa per il finanziamento del progetto.
Durante la lettura della revisione del bilancio di metà anno, il ministro ha affermato che l’obiettivo è ottenere un contributo da parte di circa un milione di ghaniani e che la cattedrale dovrebbe essere completata nel 2024.
“I lavori per la Cattedrale Nazionale procedono rapidamente e seguono il programma dell’appaltatore. La Cattedrale Nazionale dovrebbe essere ufficialmente consegnata il 6 marzo 2024. Al termine, la Cattedrale Nazionale fornirà uno spazio per attività religiose formali di Stato e simboleggia l’enorme contributo della fede alla costruzione della nazione” ha detto il Ministro.
La cattedrale situata accanto al palazzo del parlamento nel centro della capitale, è stata proposta dal governo nel marzo 2017 come parte della celebrazione del 60° anniversario dell’indipendenza del Ghana.
La raccolta de fondi per la sua costruzione è iniziata nel 2018. Il Presidente Nana Akufo-Addo ha dichiarato all’epoca: “La cattedrale colmerà l’anello mancante nell’architettura della nostra nazione fornendo una chiesa nazionale. Sarà una casa di culto e preghiera interconfessionale, oe a fungere da sede per occasioni statali formali di natura religiosa, come inaugurazioni presidenziali, funerali di stato e preghiere nazionali di ringraziamento”.