AFRICA/GUINEA – Allarme per il primo caso di virus di Marburg nell’Africa occidentale

 62 total views,  1 views today

Conakry – Allarme nella Repubblica di Guinea per la conferma di malattia da virus di Marburg nella prefettura meridionale di Gueckedou. È la prima volta che il morbo di Marburg, una malattia altamente infettiva che causa la febbre emorragica, è stata identificata nel Paese e nell’Africa occidentale.
Il virus Marburg, che appartiene alla stessa famiglia del virus che causa l’Ebola, è stato rilevato meno di due mesi dopo che la Guinea ha dichiarato la fine di un’epidemia di Ebola scoppiata all’inizio di quest’anno. I campioni prelevati da un paziente ora deceduto e testati da un laboratorio sul campo a Gueckedou e dal laboratorio nazionale per la febbre emorragica della Guinea sono risultati positivi al virus di Marburg. Ulteriori analisi dell’Institut Pasteur in Senegal hanno confermato il risultato.
Il paziente aveva cercato cure presso una clinica locale nella zona di Koundou a Gueckedou, dove era stata inviata una squadra investigativa medica per sondare i suoi sintomi in peggioramento.
“Apprezziamo la prontezza e la rapida azione investigativa degli operatori sanitari della Guinea. Il potenziale per la diffusione del virus di Marburg in lungo e in largo significa che dobbiamo fermarlo”, ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità . per l’Africa. “Stiamo lavorando con le autorità sanitarie per attuare una risposta rapida che si basi sull’esperienza e sulle competenze passate della Guinea nella gestione dell’Ebola, le cui modalità di trasmissione sono simili”.
Marburg viene trasmesso alle persone dai pipistrelli della frutta e si diffonde tra gli esseri umani attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei di persone, superfici e materiali infetti.
La malattia inizia improvvisamente, con febbre alta, forte mal di testa e malessere. Molti pazienti sviluppano gravi segni emorragici entro sette giorni. I tassi di mortalità dei casi sono variati dal 24% all’88% nelle epidemie passate a seconda del ceppo virale e della gestione del caso.
Sebbene non ci siano vaccini o trattamenti antivirali approvati per trattare il virus, la terapia di supporto – reidratazione con fluidi orali o endovenosi – e il trattamento di sintomi specifici, migliora la sopravvivenza. Sono in corso di valutazione una serie di potenziali trattamenti, tra cui emoderivati, terapie immunitarie e terapie farmacologiche.
In Africa, precedenti focolai e casi sporadici sono stati segnalati in Angola, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Sudafrica e Uganda.