AFRICA/KENYA – I media cattolici promotori del Vangelo

Nakuru – “Nel nostro ruolo di comunicatori di media cattolici dobbiamo porre tre quesiti chiave: in cosa consiste la nostra comunicazione cattolica; quali sono i risultati; quali sfide incontrano i mezzi di comunicazione cristiani e cattolici di tutto il mondo”, ha detto mons. Maurice Muhatia Makumba, vescovo di Nakuru, nel corso delle recenti celebrazioni della Giornata Mondiale della Comunicazioni nella diocesi di Nakuru.
Il Vescovo ha invitatato tutti i professionisti dei media cattolici a usare le loro opportunità come comunicatori del Vangelo. “Dobbiamo essere consapevoli che il contenuto della comunicazione cristiana viene da Gesù Cristo, ruota intorno a Lui, senza di Lui la nostra comunicazione di cristiani è vuota e non ha significato” spiega Muhatia.
“La Chiesa ci incoraggia ad abbracciare i moderni mezzi di comunicazione allo scopo di diffondere il Vangelo, vuole che amplifichiamo le nostre voci in modo che il messaggio del Vangelo raggiunga il maggior numero possibile di persone. Questo dovrebbe essere il risultato dei mezzi di comunicazione cattolica.”
Mons. Muhatia ha espresso gratitudine per il fatto che la Chiesa cattolica abbia pienamente accolto l’uso dei moderni mezzi di comunicazione, e ha portato ad esempio le due stazioni radio cattoliche, “Radio Amani” e “Radio Umoja”, della diocesi di Nakuru. “Il contenuto della nostra comunicazione dovrebbe essere messaggio di verità e di rinnovamento. Viviamo in un mondo ostile alla verità e ognuno di voi, praticanti dei media cattolici, deve riconoscersi strumento importante per la diffusione di questa verità.”
Riguardo alle sfide che affrontano i professionisti dei media cattolici, il vescovo Muhatia li ha esortati a rimanere saldi nelle loro convinzioni in modo da non essere influenzati e scoraggiati dalle difficoltà. Obiettivo dell’evento è stata la celebrazione dei risultati ottenuti dalle Comunicazioni Sociali nella diocesi.

da: www.fides.org
I contenuti del sito sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale