AFRICA/LIBERIA – “Un dono importante e tempestivo” dice a Fides il direttore dell’ospedale al quale Papa Francesco ha donato attrezzature per i malati di Covid-19

 35 total views,  1 views today

Monrovia – “Le forniture mediche donate da Papa Francesco sono state molto importanti per l’ospedale, e soprattutto tempestive. Il suo esempio con i fatti dovrebbe essere emulato da ai leader” dice all’Agenzia Fides fratel Peter Lansana Dawoh, Direttore del Saint Josesph Catholic Hospital di Monrovia, che il 25 agosto ha ricevuto tramite Mons. Dagoberto Campos Salas, Nunzio Apostolico in Liberia, una serie di equipaggiamenti medici per curare i malati di Covid-19.
Il direttore dell’ospedale ha concesso un’intervista all’Agenzia Fides

Quanti casi di Covid-19 ha finora avuto la Liberia ?
In Liberia, dal 3 gennaio 2020 al 17 settembre 2021, ci sono stati 5.904 casi confermati di Covid-19 con 283 decessi segnalati all’Organizzazione Mondiale della Sanità. Al 3 settembre 2021 sono state somministrate un totale di 113.680 dosi di vaccino.

In che modo le autorità e la Chiesa cattolica hanno gestito la pandemia in Liberia ?
Il governo della Liberia, attraverso il Ministero della Salute, ha dichiarato lo “stato di emergenza” per controllare la diffusione della malattia e ha anche avviato una vigorosa formazione degli operatori sanitari sulla prevenzione delle infezioni e il controllo del virus. Hanno chiesto a tutti i cittadini di rispettare le misure di sicurezza sanitaria che sono state messe in atto: igiene regolare delle mani; distanziamento personale; indossare obbligatoriamente la maschera facciale in ogni momento durante le riunioni pubbliche; chiusura di chiese, club e ae aree sociali fino a quando non sono stati recentemente permessi gli incontri di un massimo di 20 persone; chiusura delle scuole fino a quando non si è passati all’obbligo di indossare la mascherina e all’igiene delle mani regolare.
Per quanto riguarda la Chiesa cattolica, questa ha gestito la situazione con le seguenti misure: potenziamento dei propri ospedali e cliniche attraverso corsi di formazione ed educazione sanitaria regolare per prevenire la diffusione del virus; collaborazione con il governo e le autorità per attuare le misure di sicurezza; programmi di educazione sanitaria nelle comunità e attraverso talk show radiofonici; fornitura di materiali per la prevenzione e il controllo delle infezioni .

Qual è la situazione nel suo ospedale ?
Tutto il personale che lavora in ospedale è tenuto a indossare sempre la maschera facciale e a praticare una regolare igiene delle mani. Grazie a queste misure, il rischio di infezione in ospedale si è ridotto. La maggior parte dei casi confermati sono curati dai medici e dagli infermieri dell’ospedale, fino a nuovo avviso da parte del team sanitario distrettuale in merito alla disponibilità di spazio per il trasferimento all’unità di trattamento Covid-19.