AFRICA/MALI – Libero il sacerdote che era stato sequestrato il 21 giugno

 135 total views,  1 views today

Bamako – Don Léon Dougnon, il sacerdote che era stato rapito il 21 giugno insieme a quattro laici di Ségué, è stato liberato nel pomeriggio del 13 luglio a Bandiagara, dove si trova ancora per riprendersi dal sequestro . Il Vescovo di Mopti, Mons. Jean-Baptiste Tiama, ha comunicato la notizia esprimendo la sua gioia e ringraziando tutti coloro che hanno contribuito alla sua liberazione.
Il sacerdote, parroco di Nostra Signora di Lourdes a Ségué, insieme al capo villaggio di Ségué, al vicesindaco e ad ai due membri della comunità, si stavano recando da Ségué a San per partecipare ai funerali di don Oscar Thera, che era stato parroco a Ségué per 9 anni. Vennero rapiti ad una trentina di chilometri a nord di Ségué, nelle vicinanze di Ouo. I quattro laici furono liberati il 23 giugno lungo una strada nella regione di Bandiagara, e i rapitori sono fuggiti con la loro vettura. All’appello però mancava don Léon, che è stato liberato solo il 13 luglio.
Nella mani dei rapitori si trova ancora suor Cecilia Narváez Argoti, missionaria colombiana della Congregazione delle Suore Francescane di Maria Immacolata, che venne sequestrata nella missione di Karangasso, nel sud del Mali, la sera del 7 febbraio 2017.