AFRICA/MALI – “Siamo sicuri della liberazione dei 4 laici ma all’appello manca ancora don Léon” dice a Fides il parroco di Mopti

 239 total views,  1 views today

Bamako – “I 4 parrocchiani sono tornati a Ségué ma non abbiamo ancora visto don Léon Dougnon” dice all’Agenzia Fides don Amoudou Kizito Togo, parroco di Mopti, precisando le circostante della liberazione dei cinque appartenenti alla delegazione della parrocchia di Nostra Signora di Lourdes di Ségué, sequestrati il 21 giugno insieme ad alcuni fedeli lungo la strada che conduce da Ségué a San, nella regione di Mopti, nel Mali centrale . Gli ostaggi sono stati liberati il 23 giugno, dal gruppo armato non identificato che li ha abbandonati su una strada nella regione di Bandiagara .
“Siamo sicuri della liberazione dei 4 laici ma all’appello manca ancora don Léon” dice don Kizito.
“Io mio trovo a 120 km da Ségué ma so che le 4 persone rilasciate sono state accompagnate da un ao sacerdote al loro villaggio di origine dopo che i rapitori li hanno liberati. Da quel che mi è stato riferito dovrebbero stare bene: appena arrivati sono andati in chiesa a ringraziare il Signore” dice don Kizito.
Il parroco di Mopti riferisce che don Léon Dougnon potrebbe non essere nelle mani dei rapitori ma sarebbe impedito a muoversi per un guasto meccanico alla propria autovettura, che non sarebbe stata rubata dai banditi.
“Don Léon sarebbe rimasto sul posto dove sono stati liberati i suoi accompagnatori in attesa di un meccanico. La vettura sulla quale viaggiavano ha avuto un guasto e il sacerdote sarebbe rimasto ad attendere un mezzo di soccorso. È quello che mi è stato riferito però la vicenda appare un po’ strana” conclude.