AFRICA/RD CONGO – Fedeltà alla missione: 13 giovani neo-professi nella Congregazione del Cuore Immacolato di Maria

 237 total views,  1 views today

Kinshasa – Essere profeti e missionari, sulle strade del mondo: è la chiamata per i 13 i giovani che il 7 ottobre scorso, Memoria liturgica della Madonna del Santo Rosario, durante una messa celebrata presso il noviziato Buisson Ardent, hanno emesso la prima professione religiosa alla presenza di Padre Jozef Matton, Consigliere Generale della Congregazione del Cuore Immacolato di Maria in arrivo da Roma per l’occasione.
“Scegliere la vita religiosa come missionari nella congregazione del CICM è una grazia e anche un impegno che richiede fedeltà. Fedeltà nella missione di Dio attraverso la Congregazione, fedeltà nei consigli evangelici, fedeltà nell’amore di nostro Signore Gesù Cristo” ha spiegato padre Matton, Consigliere Generale della Congregazione. Padre Jozef Matton ha anche ribadito loro il messaggio che Papa Francesco ha inviato ai capitolari del CICM in Piazza San Pietro, durante l’ultimo Capitolo generale, invitandoli a recarsi nelle periferie, e ricordando loro che i religiosi hanno un ruolo profetico nella Chiesa e nella mondo.
I neo-professi, grati ed emozionati per la giornata, hanno espresso nelle loro parole l’entusiasmo ma anche la consapevolezza dell’impegno e la gravosità di un “sì” a Dio pronunciato in un momento storico complesso sotto molteplici aspetti.
“In un mondo in cui il divario tra gli uomini e Dio aumenta, dove la povertà cresce e dove anche il clima manda segnali inequivocabili, noi corriamo il ‘rischio’ dire sì a Dio – hanno spiegato -. Con il cuore pieno di gioia per questa giornata, sappiamo che siamo di fronte ad una sfida molto impegnativa: essere luci per questo mondo impantanato nelle tenebre e nell’ombra della morte “.
Il noviziato Buisson Ardent è uno dei 2 noviziati della Congregazione del Cuore Immacolato di Maria, accanto a quello di Taytay nelle Filippine. Avviato nel 1972, questo noviziato festeggia il suo 50° anniversario l’anno prossimo. Molti i missionari che in esso si sono formati, tra loro anche 2 congolesi diventati superiori generali, padre Edouard Tsimba e padre Charles Phukuta .