AFRICA/RWANDA – Interventi contro la malnutrizione tra i bambini e per l’assistenza delle donne in gravidanza

 23 total views,  1 views today

Muyanza – A due anni dalla fine del progetto per il sostegno nutrizionale e sanitario a donne e bambini di Muyanza, nel distretto di Rulindo, concluso nel 2019, Omar Fiordalisio, cooperante rappresentante in Rwanda del Movimento Lotta Fame nel Mondo che lo ha promosso , è tornato sul campo. “Vedere che le mamme si recano ancora al Centro per le visite è la più grande delle soddisfazioni” si legge nella nota pervenuta all’Agenzia Fides.
“L’ecografo è uno strumento salvavita per le donne in gravidanza di Muyanza. Questi controlli permettono di identificare precocemente le eventuali situazioni di rischio o di malnutrizione del bambino e di indirizzare in tempo le gestanti a Centri più specializzati, evitando complicanze in alcuni casi fatali. Nel distretto – si legge ancora nella nota – prima dell’introduzione dell’ecografo, le donne dovevano spostarsi di almeno 30 km per poter fare una visita pre-natale. Molte arrivavano a non farne neanche una nei 9 mesi di gestazione.”
Finanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana , il progetto è nato per combattere la malnutrizione infantile, garantire cure mediche adeguate alle neo-mamme e creare un’educazione agroalimentare che possa diventare vera fonte di sviluppo per gli agricoltori locali di Muyanza.
Secondo le statistiche, in Rwanda il 52% dei bambini al di sotto dei 5 anni soffre di malnutrizione, di cui molti in forma cronica. La malnutrizione non curata o non individuata contribuisce da sola a più della metà delle morti entro il secondo anno di vita. Il mancato monitoraggio della situazione della donna in gravidanza può portare a rischi per la madre e il bambino stesso, prima, durante e dopo il parto.