AFRICA/SUD SUDAN – La missione è ciò che unisce le diverse espressioni della Chiesa: il Vescovo di Tombura-Yambio esorta alla tutela di sacerdoti e religiosi

 14 total views,  1 views today

Tombura-Yambio – Negli ultimi mesi la contea di Tombura è vittima di violenti scontri tra le due forze rivali che hanno portato allo sfollamento di massa di centinaia di famiglie . Quasi il 15% della popolazione locale è coinvolta nei gravi episodi di violenza che imperversano in tutto il Paese e in particolare nella diocesi di Tombura-Yambio. “Violenze, omicidi, odio, sfiducia, sfollamenti di massa hanno progressivamente aumentato il livello della nostra povertà al 97% se non al 100%” dice in un accorato appello inviato all’Agenzia Fides Mons. Eduardo Hiiboro Kussala, Vescovo della diocesi, rivolgendosi ai fedeli.
“Sacerdoti, religiosi, catechisti, seminaristi, personale ecclesiastico e ao ancora provengono da quelle comunità etniche che ora abitano la nostra diocesi. Come si comporteranno o si rapporteranno in mezzo a tante ambiguità? In un clima di sfiducia tale, come possiamo rivolgerci ai membri della nostra stessa comunità etnica senza essere sospettati o, viceversa, non essere odiati o diffidati dai membri di ai gruppi etnici?” Il Presule ha redatto un vero e proprio ‘Orientamento’ nel quale sottolinea che l’amore di Dio non ha confini. “Abbiamo bisogno di Dio nelle nostre vite e dobbiamo affidarci a Lui come Suoi veri credenti! Dobbiamo essere costruttori di ponti tra le nostre comunità etniche! Armiamoci tutti di prudenza!” insiste Mons. Hiiboro rivolto ai sacerdoti, religiosi e personale della diocesi.
Parlando invece all’intera popolazione il Presule esorta a proteggere, rispettare e aiutare sacerdoti e religiosi, in tutte le occasioni di pericoli, e di rivolgersi alle autorità ecclesiastiche competenti prima di accusare pubblicamente qualcuno. Allo stesso modo, il Vescovo incoraggia i sacerdoti ad evitare occasioni che possono alimentare perplessità.
“Chi siamo come sud sudanesi? Prima, durante e dopo la nostra indipendenza, nel 2011, non abbiamo mai discusso apertamente le questioni controverse. Non abbiamo mai deciso che tipo di società sud sudanese vogliamo. Ecco perché la società oggi è plasmata da etnie, politiche negative e da ae alleanze false o parassitarie! Stiamo raccogliendo i frutti di tutte le cose terribili che abbiamo sofferto o lasciato irrisolte. A tutti noi credenti rivolgo il mio appello di proteggere la nostra Chiesa! Il ruolo della Chiesa nella nostra società è grazia! Vi chiedo di aiutarmi a proteggere i nostri sacerdoti, religiosi, catechisti, seminaristi, personale e tutto il personale della Chiesa!”
“I sacerdoti e i religiosi non sono angeli, sono umani e vulnerabili, commettiamo errori. Qualsiasi tipo di problema va affrontato. Dobbiamo creare un ambiente in cui ognuno abbia la libertà di essere ciò che vuole, secondo la legge del proprio paese o ciò che richiede la coscienza. Ciò che unisce queste diverse espressioni della Chiesa è la missione della Chiesa e la sua visione dello sviluppo” conclude Mons. Hiiboro. “La visione della pace e dello sviluppo è radicata nella dignità intrinseca di tutte le persone, in quanto fatte a immagine e somiglianza di Dio, aventi uguale valore. È una visione di un mondo trasformato che riflette il Regno di Dio, dove tutte le persone, le etnie, le comunità e la terra, possono prosperare e dove tutte le persone e le istituzioni lavorano per il bene comune.