AFRICA/SUD SUDAN – Perdono e unità con coloro che incontriamo: la diocesi di Rumbek in preghiera per la ripresa del Vescovo Carlassare

 419 total views,  1 views today

Rumbek – Laici, laiche, religiosi, religiose e il clero intero della diocesi di Rumbek sono stati invitati, lo scorso 3 luglio, a riunirsi in preghiera per la guarigione totale e la ripresa fisica del Vescovo eletto, Mons. Christian Carlassare, missionario Comboniano del Cuore di Gesù , ferito da colpi di arma da fuoco la notte del 25 aprile 2021 .
“Invitiamo tutte le nostre comunità, le varie parrocchie di Rumbek, scuole e gruppi di preghiera, a rimanere uniti e a continuare a pregare per la ripresa del nostro Vescovo eletto e per il suo rientro a Rumbek” ha dichiarato il Vicario generale della diocesi cattolica, p. Andrea Osman Okello.
“Possiamo tutti noi continuare a crescere nella fede e nella speranza, affinché la gioia del Vangelo possa essere condivisa nel nostro mondo. Come popolo di Dio pellegrino, camminiamo insieme, sostenendoci l’un l’ao lungo il cammino e condividendo un messaggio di perdono e di unità con coloro che incontriamo”, si legge in una parte della preghiera formulata, che chiede l’intercessione di Santa Giuseppina Bakhita e di San Daniele Comboni.
In seguito all’attentato, perpetrato nella sua stanza presso la Cattedrale della Sacra Famiglia a Rumbek, il missionario comboniano ha ricevuto le cure iniziali presso la struttura sanitaria di Medici con l’Africa Cuamm a Rumbek e successivamente è stato trasportato in aereo nella capitale del Kenya, dove è stato ricoverato all’ospedale di Nairobi. Mons. Carlassare è stato dimesso dall’ospedale il 17 maggio per le cure domiciliari.
Il religioso italiano ha prestato servizio nella diocesi di Malakal, in Sud Sudan, dal suo arrivo nella nazione dell’Africa centro-orientale nel 2005 fino alla sua nomina a vescovo di Rumbek. Il 5 maggio 2021 Papa Francesco ha nominato Amministratore apostolico della diocesi di Rumbek il Vescovo Matthew Remijio, della diocesi di Wau, Sud Sudan, con il mandato di governare temporaneamente la diocesi fino alla ripresa di Mons. Carlassare.