AFRICA/SUD SUDAN – Suore uccise; il Presidente Kiir: “I gruppi che non hanno firmato la pace responsabili della loro morte”

 32 total views,  1 views today

Juba – Sono i gruppi che non hanno firmato l’accordo di pace, i responsabili della morte delle due suore della Congregazione del Sacro Cuore di Gesù, uccise, insieme ad ae tre persone, in un agguato stradale il 16 agosto su un autobus lungo Juba-Nimule Road . Lo afferma il Presidente sud sudanese Salva Kiir, che accusa dell’imboscata degli Holdout Groups”, termine generico che indica i non -firmatari dell’Accordo rivitalizzato sulla risoluzione dei conflitti in Sud Sudan .
Nella sua dichiarazione il Presidente Kiir afferma che l’omicidio dei cinque “civili innocenti” dimostra la mancanza di impegno per la pace da parte dei non firmatari dell’accordo di pace del settembre 2018 e minaccia che il suo governo potrebbe dover ” riconsiderare la sua posizione sull’Iniziativa di Roma guidata da Sant’Egidio”.
Il presidente sud sudanese aggiunge, in riferimento ai cinque sud sudanesi uccisi durante l’imboscata stradale del 16 agosto, “La responsabilità della loro morte ricade interamente sugli Holdout Groups, e il governo di transizione rivitalizzato di unità nazionale condanna questo atto di terrore nei termini più forti possibili.”
Papa Francesco ha espresso le sue condoglianze per la morte di suor Mary Daniel Abut, e suor Regina Roba delle Suore del Sacro Cuore di Gesù. “Profondamente addolorato nell’apprendere del brutale attacco a un gruppo di suore del Sacro Cuore di Gesù che ha causato la morte di suor Mary Abud e suor Regina Roba – si legge nel telegramma, inviato a nome del Pontefice dal Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin a Mons. Mark Kadima, della Nunziatura Apostolica in Sud Sudan. “Confidando che il loro sacrificio farà avanzare la causa della pace, riconciliazione e sicurezza nella regione”- Papa Francesco “prega per il loro eterno riposo e il conforto di quanti piangono la loro perdita”.