AFRICA/TANZANIA – “Impatto ambientale sullo sviluppo umano sostenibile”: i vescovi lanciano la Plenaria Amecea 2022

 28 total views,  1 views today

Mwanza – “Abbiamo la responsabilità di evangelizzare prima noi stessi in modo da poter cambiare il nostro atteggiamento nei confronti dell’ambiente e ricordare alle persone l’importanza di prenderci cura di ciò che ci circonda mentre evangelizziamo”, ha affermato l’arcivescovo Gervas Nyaisonga, Presidente della Conferenza Episcopale della Tanzania in occasione della recente inaugurazione della XX Assemblea Plenaria dell’Associazione delle Conferenze Episcopali Membri dell’Africa Orientale che la Tanzania ospiterà a luglio 2022.
“La TEC sta coordinando i preparativi. Esortiamo a collaborare tutti i fedeli a livello diocesano e le agenzie governative – si legge in una nota pervenuta all’Agenzia Fides -, questo è il momento in cui mostriamo solidarietà come tanzaniani, per garantire una plenaria di successo e per dimostrare che l’Africa è una” ha insistito il Presidente. “Impatto ambientale sullo sviluppo umano sostenibile”
L’arcivescovo Nyaisonga ha evidenziato l’importanza della tutela di tutto ciò che circonda l’uomo “Questo pianeta è tutto ciò che abbiamo; se non lo proteggiamo, saremo in pericolo perché distruggere l’ambiente significa distruggere la vita umana. Siamo esortati come esseri umani, a cui è affidata la responsabilità di governare tutto il Creato di Dio, a riflettere su come possiamo rendere l’ambiente migliore per noi e per la prossima generazione.”
Il presule ha inoe confermato l’impegno della Chiesa cattolica nel paese a rendere la Tanzania verde, lanciando una campagna di rimboschimento familiare che consentirà ai membri di ogni famiglia di piantare tre alberi.
Nel documento dei vescovi si evince inoe che prenderanno parte alla plenaria di 10 giorni i vescovi di nove paesi dell’Africa orientale che rifletteranno sulla tutela dell’ambiente e assicureranno che la Madre Terra sia protetta dal degrado ambientale, in linea con il tema dell’incontro “Impatto ambientale sullo sviluppo umano sostenibile”.
Da parte sua, il viceministro per il territorio, l’edilizia abitativa e lo sviluppo degli insediamenti umani, la signora Angelina Mabula, ha affermato che la campagna proposta dalla TEC aiuterebbe a salvare il paese dai pericoli della desertificazione. “Anche se il governo prevede di piantare 1.500.000 alberi in ogni distretto, non tutti potrebbero crescere, ma attraverso questa campagna crediamo che il successo della piantagione nel paese sarà visibile e il nostro paese sarà verde”, ha detto Mabula.
L’inaugurazione della Plenaria AMECEA è stata seguita da una cerimonia di piantumazione di alberi per illustrare la conservazione dell’ambiente. L’evento si è tenuto presso il centro di pellegrinaggio della Vergine Maria di Kawekamo nella diocesi cattolica di Mwanza. Ad inaugurarlo è stato l’Arcivescovo Nyaisonga, in collaborazione con il Segretariato AMECEA, rappresentato dal Direttore del Dicastero Pastorale AMECEA, don Emanuel Chimombo.