AMERICA/BRASILE – Quattro priorità per l’elaborazione del Programma Missionario nazionale

Brasilia – Formazione missionaria, missione ad gentes, animazione missionaria, impegno profetico sociale: queste le quattro priorità individuate dalla 36ma assemblea del Consiglio Missionario Nazionale , svoltasi dal 4 al 7 aprile a Brasilia, nella sede delle Pontificie Opere Missionarie, da tenere in considerazione per il Programma Missionario nazionale.
Secondo le informazioni diffuse dalla Conferenza episcopale, pervenute a Fides, la direzione del COMINA sta continuando a lavorare alla redazione del testo da presentare all’Assemblea di maggio della Conferenza episcopale brasiliana . Per ogni priorità infatti vengono proposti tre progetti, che dovrebbero contribuire a risvegliare la missione e l’attività missionaria nella Chiesa in Brasile, non solo in quei casi che riguardano specificamente la missione.
All’assemblea del COMINA hanno partecipato 64 persone, tra rappresentanti dei vari Consigli missionari, delle organizzazioni laicali, degli istituti di vita religiosa, provenienti da tutte le 18 regioni della CNBB. “Una volta approvato, il programma offrirà linee d’azione che ogni regione potrà realizzare secondo la propria realtà” ha spiegato il Vescovo ausiliare di São Luís e presidente della Commissione per l’azione missionaria della CNBB, Mons. Esmeraldo Barreto Farias. Il desiderio è che la Chiesa in Brasile “possa essere più missionaria e, camminando insieme, vivendo questo grande spirito missionario, possa contribuire a costruire un Brasile che sia giusto, pacifico e fraterno”.
L’Assemblea del COMINA è stata preceduta dall’incontro della Commissione con i Vescovi responsabili dell’azione missionaria a livello regionale. I Vescovi hanno lavorato alle conclusioni del processo di elaborazione del Programma Missionario Nazionale, frutto delle assemblee che si sono svolte nelle regioni lungo il 2018. Nell’incontro è stato anche valutato il lavoro della Commissione nel quadriennio, con particolare attenzione alle esperienze missionarie, ai congressi missionari e alle missioni popolari. “Tutto questo ha contribuito ad aprirci alla coscienza missionaria, ed è questo ciò che vogliamo: rendere ogni battezzato, ogni cristiano, in grado di scoprire di essere chiamato da Dio a seguire Gesù Cristo e a vivere la missione in famiglia e nei vari ambienti in cui si trova” ha detto Mons. Esmeraldo Barreto Farrias.
I Vescovi hanno riflettuto sul progetto missionario ad gentes, sulle iniziative nell’ambito della CNBB e su quelle regionali, nell’ambito della vita missionaria fuori dal Brasile: “È un momento sorprendente vedere cosa succede a Timor Est, la presenza missionaria in Mozambico: i brasiliani sono più di 115, uomini e donne, laici, sacerdoti, religiosi e religiose. E in Guinea Bissau lavorano circa 30-40 brasiliani”.

da: www.fides.org
I contenuti del sito sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale