AMERICA/CILE – Si aprono i lavori per la nuova Costituzione: una preghiera in tutte le messe

 169 total views,  1 views today

Santiago – Il Comitato permanente della Conferenza Episcopale del Cile ha approvato un’iniziativa proposta dalla Commissione nazionale per la Giustizia e la Pace, basata sull’espressa richiesta di alcuni costituenti, affinché domenica prossima, 4 luglio 2021, la Chiesa cilena possa rivolgere a Dio una particolare intenzione di preghiera per coloro che, quel giorno, iniziano il lavoro di redigere una nuova Costituzione politica della Repubblica del Cile.
L’intenzione per la preghiera universale che sarà aggiunta domenica 4 luglio in tutte le Messe, è la seguente: “Ti preghiamo, Signore, per tutte quelle persone che, come membri della Convenzione costituante, iniziano oggi a redigere una nuova Costituzione politica per il nostro Paese. Manda loro lo Spirito Santo che li assista con i suoi doni, perché possano ascoltare, dialogare e proporre una nuova costituzione che protegga il bene comune, fondata sulla pace e sulla giustizia”.
Inviando il testo della preghiera, il Comitato permanente auspica che sia ampiamente diffuso tra i sacerdoti e gli operatori pastorali che preparano la celebrazione liturgica domenicale, affinché si preghi per questa intenzione in tutti i luoghi in cui si celebra l’Eucaristia.
Al culmine di un lungo periodo di crisi che il Cile ha attraversato in tutti i campi – politico, economico, sociale ed ecclesiale – dall’ottobre 2019, con mobilitazioni, violenze e scontri che non hanno risparmiato i luoghi di culto, il plebiscito del 25 ottobre 2020 ha sancito l’inizio del processo per l’elaborazione di una nuova Costituzione, che risaliva ad Augusto Pinochet. Con l’87% dei voti espressi, il 78,2% dei cittadini ha votato per il cambiamento della Costituzione, contro il 21,8% che ha espresso il desiderio di non modificarla. La sua stesura è stata affidata ad una “Convenzione Costituente”, i cui membri sono stati scelti alle elezioni del 15 e 16 maggio 2021.
La Conferenza Episcopale del Cile ha pubblicato un documento contenente i principali insegnamenti del Magistero della Chiesa cattolica in materia sociale, in vista dell’elaborazione della nuova Costituzione. La Chiesa cilena intende così proporre “il tesoro di saggezza e umanità che ha ricevuto da Gesù Cristo, e lo offre ai credenti e ai non credenti, nella convinzione che questi insegnamenti illuminano i problemi sociali alla luce di Dio – è scritto nella presentazione del testo -. Esistono infatti alcuni principi comuni e immutabili che uniscono tutte le culture, che sono indipendenti dai consensi e che la Chiesa cerca di insegnare con il suo Magistero. Per questo auspica che queste pagine siano un contributo al necessario dialogo costituente nella ricerca del bene comune” .