AMERICA/COLOMBIA – I Vescovi esprimono la loro solidarietà ai Rom in occasione della Giornata Mondiale dell’Olocausto del Popolo Rom

 38 total views,  1 views today

Bogotà – “La Chiesa colombiana, attraverso la Conferenza Episcopale, desidera esprimere il suo più profondo senso di solidarietà con i popoli Rom di tutto il mondo e in particolare con i Rom che vivono in Colombia da diversi secoli; approfittando della commemorazione del genocidio perpetrato dal Reich nazista durante la seconda guerra mondiale” afferma la Conferenza Episcopale della Colombia , in una nota del suo Dipartimento di Animazione Missionaria e per i Gruppi Etnici, in occasione del 77° Giornata Mondiale dell’Olocausto del Popolo Rom, che si celebra oggi 2 agosto.
Nel messaggio firmato da p. Omer Giraldo, direttore dell’area Etnie, ha ricordato che la popolazione Rom ha le sue origini nella regione asiatica di Kannauj, nel nord dell’India ed è stata caratterizzata nel corso della sua storia dall’essere “un popolo con tendenza al nomadismo e che porta nel suo essere anche una ferma convinzione di libertà, I legami familiari sono per questa etnia un’enorme forza culturale, insieme alle loro convinzioni, alla loro fede in Dio e alla ricchezza della sua espressioni, come la musica e la danza”.
La nota inviata a Fides dalla CEC, sottolinea come la notte dal 2 al 3 agosto 1944 sia tristemente ricordata per l’infame assassinio di oltre 4.300 membri delle minoranze note come Sinti e Rromaníes, varianti culturali della stessa etnia. Questa notte è chiamata in lingua tedesca come “Zigeunernatch”, “La notte degli zingari”.
In questo contesto, a nome della CEC, il religioso invita i colombiani a prendere coscienza delle sofferenze che la popolazione Rom ha dovuto sopportare nel corso della storia. In modo speciale, chiede che questo 2 agosto si tenga una preghiera speciale e ci siano spazi di riflessione per gli atteggiamenti che spesso si assumono quando si conoscono da vicino queste comunità insediate nei territori colombiani.
“Gli zingari sono stati vittime, incompresi ovunque vadano. Anche nel nostro Paese gli zingari hanno subito discriminazioni ed emarginazione sociale nel lavoro, nell’istruzione e nella salute. Un fatto molto positivo che ha segnato il destino dei popoli Rom in Colombia è il loro riconoscimento da parte dello Stato colombiano come minoranza etnica, sulla base della nuova Costituzione del 1991. La guerra interna che la Colombia ha costretto queste comunità a trasferirsi nelle città”.
Secondo il sacerdote, attualmente ci sono tra i 5 e i 7 mila zingari in Colombia, per lo più nelle due Santander, Atlántico, Tolima, Antioquia, Sucre e Bogotá, organizzati in clan chiamati Kumpañy.