AMERICA/COLOMBIA – I Vescovi si uniscono al grido di “tanti fratelli e sorelle che chiedono pace, rispetto della vita e dei diritti umani”

 88 total views,  2 views today

Bogotà – “I Vescovi cattolici della Colombia sostengono questo grido di pace, di vita e di rispetto per la dignità umana di tanti nostri fratelli e sorelle”: lo dichiara la Conferenza episcopale della Colombia, esprimendo sostegno e solidarietà al Vescovo di Buenaventura, Monsignor Rubén Darío Jaramillo Montoya, che questa settimana ha vissuto la “Giornata della vita”, attraverso manifestazioni religiose, culturali e di riflessione, culminata il 30 luglio con una marcia di ripudio della violenza.
Con questa iniziativa la Diocesi di Buenaventura ha voluto unirsi al grido dei suoi abitanti per chiedere ancora una volta pace e riconciliazione per questa regione afflitta dalla violenza e dalle disuguaglianze. “Non possiamo tacere” ha detto Monsignor Jaramillo Montoya, in un videomessaggio, spiegando che questa giornata è stata indetta, perché nel corso dei primi 20 giorni di luglio, ci sono stati 24 omicidi, oe a estorsioni, rapine, sparizioni e rapimenti che continuano.
Dal 26 al 30 luglio si sono susseguite diverse iniziative, tra cui l’accensione di una candela nelle case, che rappresenta la luce di Cristo, per invocarla per le famiglie e la città; una giornata interreligiosa attraverso i social network; sono stati piantati 1.000 alberi come segno di speranza e di vita; è stata fatta una visita a sette aree vulnerabili dove la violenza è maggiore: gli abitanti hanno indossato abiti bianchi, mentre nelle case e negli uffici erano esposti palloncini bianchi, in segno di pace; ci sono state riflessioni e momenti culturali e ludici sulla situazione di violenza affrontata dalla popolazone.
Anche i Vescovi del Pacifico e della Colombia sud-occidentale, in un comunicato, hanno detto di unirsi al grido del popolo di Buenaventura che invoca la pace e il rispetto della vita. “Non è tempo di indifferenza – scrivono i Vescovi – è giunto il momento di alzare la voce ed esigere il rispetto della dignità della vita umana. Incoraggiamo le nostre comunità ad accompagnare nella preghiera, i giorni di pace convocati nella Chiesa diocesana sorella di Buenaventura”.
I Vescovi esortano coloro che con la violenza stanno togliendo la vita a tante persone innocenti a scambiare “armi e odio con strumenti che forgiano la sana convivenza e il rispetto di tutti i cittadini”. Allo stesso modo, chiedono alle autorità locali, regionali e nazionali di cercare i modi per garantire la sicurezza della popolazione e li esortano a offrire le opportunità necessarie per l’istruzione e l’occupazione, in modo che le comunità possano realizzare i loro progetti di vita.