AMERICA/HAITI – I Vescovi dopo l’assassinio del presidente Moise: “Scegliete la convivenza fraterna nell’interesse di tutti e nell’interesse di Haiti!”

 170 total views,  3 views today

Port au Prince – “Qualunque essa sia, la vita va rispettata dal concepimento alla morte naturale. Ecco perché condanniamo fermamente l’assassinio del Presidente Jovenel Moïse. Come missionari facciamo un appello all’unità delle forze politiche, per trovare una via d’uscita alla grave crisi che sta vivendo il Paese, perché il paese è caduto a un livello che più basso non si può”: queste le parole di Padre Renold Antoine CSsR, missionario redentorista, rilasciate a Fides dopo l’assassinato del presidente di Haiti, Jovenel Moïse. “Questa notizia arriva in un momento delicato della storia nazionale – sottolinea il missionario -, in cui la crisi politica ed economica, aggiunta alla pandemia di coronavirus, e in mezzo a un forte aumento della violenza delle bande, scuotono il Paese”.
Secondo le informazioni diffuse dalla stampa locale, il presidente Moïse sarebbe stato ucciso a colpi di arma da fuoco attorno all’una del mattino di ieri da un gruppo armato che parlava spagnolo. Non sono stati forniti ulteriori dettagli sugli assassini o su eventuali rivendicazioni. Il Primo ministro ad interim, Claude Joseph, in un comunicato ufficiale diffuso poche ore dopo, ha dato la notizia, aggiungendo che assumeva l’incarico di guidare il Paese. Nell’attacco, sempre nella dichiarazione di Joseph, è rimasta ferita la moglie del presidente, che è stata ricoverata in ospedale.
La Conferenza Episcopale di Haiti ha diffuso un comunicato, inviato anche all’Agenzia Fides, condannando il fatto, in cui si legge: “La violenza può solo generare violenza e porta all’odio. Questo atteggiamento non aiuterà mai il nostro Paese a uscire da questa impasse politico che può essere risolto solo attraverso il dialogo, il consenso, lo spirito di impegno per il migliore interesse della nazione, per il bene comune del Paese”.
“La Conferenza Episcopale invita tutti i figli e le figlie del Paese a superare il proprio orgoglio personale e gli interessi di gruppo per cercare insieme, attorno a un tavolo, la soluzione haitiana tanto attesa dalla popolazione, dettata dall’amore per Haiti e per i nostri valori di popolo”. I Vescovi concludono con un forte appello: “Deponete le armi! Scegliete la vita! Scegliete la convivenza fraterna nell’interesse di tutti e nell’interesse di Haiti!”.
Il presidente Jovenel Moïse, 53 anni, era il 42esimo presidente di Haiti. Dopo elezioni complicate nel 2015 e un ballottaggio rimandato più volte , Jovenel Moïse prestò giuramento come nuovo Presidente di Haiti il 7 febbraio 2017 .
La gestione del presidente Moïse ha registrato diversi attriti con i Vescovi, al punto che il 27 giugno 2018, per la festa della Madonna del Perpetuo Soccorso, patrona di Haiti, Mons. Launay Saturné, Vescovo di Jacmel, Presidente della Conferenza episcopale di Haiti davanti a tutte le autorità del paese, compreso il presidente, denunciò: “il Paese è malato” in molti settori, compresa la magistratura. . Nel 2019 i Vescovi denunciarono violenza, intimidazioni e miseria, commentando la situazione del paese dopo che la popolazione era scesa in piazza per manifestare contro il governo del presidente Moïse .
Negli ultimi mesi i leader dell’opposizione avevano chiesto le dimissioni di Moise, sostenendo che il suo mandato terminava legalmente nel febbraio 2021, ma lui insisteva per cambiare la costituzione con un referendum, al fine di continuare ad essere Presidente. Il mese scorso, i Vescovi avevano pubblicato una dichiarazione al riguardo: “non è il momento di cambiare la Costituzione in mezzo ad una crisi sociale e politica, in questi tempi difficili per il nostro popolo” .
Negli ultimi tempi Haiti vive un ulteriore aggravamento della destabilizzazione politica, economica e sociale che la tormenta da anni. La violenza ha raggiunto livelli preoccupanti, i sequestri sono all’ordine del giorno, l’inflazione è in aumento, scarseggiano cibo e carburante in un Paese dove il 60 per cento della popolazione guadagna meno di 2 dollari al giorno. Inoe Haiti non si è mai ripresa dal devastante terremoto del 2010 e dall’uragano Matthew, che l’ha colpita nel 2016. La pandemia da coronavirus ha aggravato ancora di più la situazione. Nel 2019 ci sono state violente proteste popolari e scontri in cui sono morte decine di persone. Un cambiamento era auspicato con le elezioni generali che avrebbero dovuto tenersi alla fine di quest’anno, ma l’uccisione di Moïse apre uno scenario imprevedibile.