AMERICA/HAITI – “Il nostro impegno prosegue senza sosta”: i Camilliani in aiuto alla popolazione tra criticità e qualche nota positiva

 15 total views,  1 views today

Port au Prince – “La situazione sull’isola è sempre più drammatica non solo per il terremoto del 14 agosto e per i disastri causati dal passaggio della tempesta Grace, ma soprattutto per l’aggravarsi della violenza e lo spadroneggiare delle bande armate che ormai hanno preso il sopravvento e che di fatto governano il Paese .
L’allarme è stato lanciato dai religiosi camilliani di Haiti tramite padre Antonio Menegon, missionario Camilliano per anni impegnato nell’isola.
“Non solo nella Capitale – aggiunge preoccupato il sacerdote che è anche presidente della onlus Madian Orizzonti dei MI – ma questa tremenda realtà si sta espandendo anche in ae città. I giovani, addirittura, si arruolano nelle bande armate come se fosse un lavoro qualsiasi. Il Governo è inesistente, le forze di polizia non riescono più a controllare la situazione, e insieme alla violenza continua imperterrita la piaga dei sequestri di persona. Proprio in questi giorni sono stati sequestrati 15 missionari americani e 2 bambini. La corruzione è ovunque. Le frontiere sono chiuse e gli haitiani cercano di scappare dal Paese ma vengono sistematicamente respinti da tutti.”
Padre Menegon spiega che la situazione nelle strade è difficile, “uscire di casa è rischioso anche per gli approvvigionamenti più importanti, come alimentari, gasolio o farmaci e l’attività del Foyer Saint Camille continua ma con grande fatica. Iniziano a scarseggiare le scorte di ossigeno, mentre è in aumento l’epidemia di Coronavirus. Le due strade che collegano il Paese, una al Nord e una al Sud sono da mesi bloccate dai banditi e quindi è rischioso viaggiare e trasportare merci perché la normalità è essere aggrediti.”
“Alle tante emergenze che l’isola sta vivendo p. Menegon ha aggiunto le note positive che riguardano la costruzione della prima scuola a Camp Perrin, colpita dal terremoto, nella quale a partire dal prossimo mese di dicembre i primi alunni varcheranno la porta di ingresso. “Proseguiremo nella costruzione di ae scuole e di case per le famiglie che sono rimaste senza un tetto” ha puntualizzato il Camilliano. Inoe prosegue l’invio di container. “Tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre ne sono partiti 3. Il 29 ottobre partirà il quarto container con materiale sanitario, pannolini e alimentari. Il nostro impegno prosegue senza sosta” conclude.