AMERICA/PERU’ – I Vescovi condividono “sofferenze e incertezze del paese” e chiedono “riconciliazione e superamento delle polarizzazioni”

 21 total views,  3 views today

Lima – I Vescovi del Perù, in un loro messaggio del 25 agosto, affermano di condividere “le sofferenze e le grandi incertezze che il nostro amato Paese sta vivendo”, ma anche in questa situazione, come sulla barca in tempesta, invitano a pensare che Gesù è sempre vicino a noi, ci dice che “non siamo soli, che abbiamo sempre motivi di speranza”.
Il messaggio, pervenuto a Fides, è articolato in 12 punti, nei quali l’Episcopato peruviano analizza la situazione del paese, evidenziando prima di tutto la sua profonda preoccupazione per l’incertezza creata dalla “polarizzazione politica estrema” che si ripercuote in tutti gli ambiti sociali e soprattutto nella vita dei più poveri ed emarginati. colpendo sempre più i valori della convivenza umana. Quindi i Vescovi denunciano “il doloroso e storico oblio della situazione di migliaia di connazionali provenienti dalle periferie del paese”, che accentua le diseguaglianze sociali, genera dolore e risentimento, accresce la sfiducia tra le autorità e la popolazione. “Molti connazioli soffrono
per la mancanza di lavoro, l’alto costo della vita e la paura di investire nel nostro paese” proseguono, oe che per la minaccia di una terza ondata di Covid-19. A questo riguardo, rilevano che molti genitori sono preoccupati in quanto l’insegnamento digitale non ha raggiunto gli obiettivi di apprendimento prefissati; molti alunni, soprattutto quelli più poveri, non hanno potuto acedere alle classi digitali; inoe si avvertono nei ragazzi e nelle ragazze, chiari segnali di sofferenza mentale ed emotiva per la mancanza di contatto diretto con compagni di classe e insegnanti. “Ci appelliamo con insistenza al Governo, per la fornitura dei vaccini necessari per tutti, e allo stesso tempo invitiamo tutti i peruviani a vaccinarsi, come espressione di responsabilità per se stessi e per gli ai” chiedono i Vescovi, oe al diritto di esprimere la nostra fede in maniera libera e responsabile, in un contesto di sicurezza sanitaria. La fede può contribuire “alla riconciliazione e al superamento delle polarizzazioni, generando una cultura dell’incontro e del dialogo. L’intolleranza, l’indifferenza e la discriminazione non devono continuare a prevalere nella nostra convivenza” ribadisce il testo.
I Vescovi peruviani quindi esortano, “in questo momento cruciale della nostra storia”, a camminare insieme “nella ricerca della riconciliazione e del benessere di tutti”, avendo obiettivi comuni, superando la disillusione, uscendo da noi stessi e dai nostri interessi, per dire: “Sì alla vicinanza e no all’isolamento, sì alla cultura dell’incontro e no alla cultura dello scontro”.
Nella ricerca del bene comune e della democrazia, non aiuta certo “il meccanismo politico di esasperare, esacerbare e polarizzare”, invece vanno usati i meccanismi previsti dalla Costituzione e dal sistema legislativo vigente. Per questo il messaggio invita: “Orientiamo la democrazia verso la libertà, evitando ogni autoritarismo. Verso l’uguaglianza combattendo ogni forma di discriminazione e povertà. Verso la fraternità, promuovendo l’amicizia sociale e la cura della nostra grande diversità culturale e della ricca biodiversità”.
Nella conclusione, i Vescovi ribadiscono la loro “disponibilità al dialogo con le autorità del Governo”, facendo appello “a lavorare insieme per il bene comune attraverso tavoli di dialogo”: “La Chiesa tende le sue mani e reitera la disposizione a costruire ponti e a lavorare insieme nella fraternità e nell’amicizia sociale, per il bene comune, lo sviluppo umano integrale e per rafforzare la nostra fragile democrazia”.