AMERICA/PERU’ – “Tutti sono chiamati alla missione”: si prepara la Giornata Missionaria Mondiale

 12 total views,  1 views today

Lima – “Tutti i battezzati sono chiamati alla missione. Ad annunciare il Vangelo e testimoniare la parola di Dio. Il mese missionario è un tempo speciale per invitarci a riflettere sulla chiamata del Signore: il tema scelto quest’anno dal Papa per la Giornata Missionaria Mondiale ‘Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato’, è una risposta coinvolgente e impegnativa, che prosegue oggi e per tutta la vita”. Lo dichiara all’Agenzia Fides padre Victor Livori, Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie del Perù, ricordando come la chiamata all’evangelizzazione non sia “limitata solo a un mese l’anno”, quello di Ottobre, ma che sia responsabilità perenne di ogni battezzato.
Padre Victor fa riferimento al crescente ruolo dei laici e parla delle sfide più importanti per la Chiesa in futuro: “Tutti i cristiani sono invitati a celebrare e ringraziare per la missione, ma più in particolare, a pregare per i loro fratelli e sorelle che vivono nelle diocesi più povere della terra; e a vivere la solidarietà partecipando una ricerca unica organizzata in tutte le chiese del mondo”. Il sacerdote riferisce che nella comunità cattoliche in Perù si sta vivendo l’Ottobre missionario e la preparazione alla Giornata Missionaria Mondiale con la recita del Rosario missionario arricchito da meditazioni di Papa Francesco. E cita la celebrazione della speciale “Novena al Signore dei Miracoli” , festa che si celebra nell’ultima domenica di ottobre, con grande devozione tra il popolo peruviano.
Secondo il Direttore nazionale, occorre rivalutare il ruolo della POM all’interno della comunità cattolica: “Una più profonda immersione nella vita reale delle persone farà del bene”, afferma. “Occorre vigilare e cercare di reintegrare la capillarità dell’azione e dei contatti delle POM nel suo intreccio con la rete ecclesiale. Soltanto favorendo queste condizioni – prosegue – possiamo sfuggire alla trappola dell’astrazione. Bisogna, quindi, rispondere a domande e bisogni reali, piuttosto che formulare e moltiplicare proposte”.
“Le Opere Missionarie – ricorda p. Livori – nascono spontaneamente dal fervore missionario espresso dalla fede dei battezzati. Dalla loro fondazione fino ad oggi, sono andate avanti camminando su due strade sempre parallele che, nella loro semplicità, sono sempre state familiari al cuore del Popolo di Dio: la via della preghiera e quella della carità. Le Pontificie Opere Missionarie – conclude – sono uno strumento al servizio della missione nelle Chiese particolari, nell’orizzonte della missione della Chiesa che, da sempre, abbraccia il mondo intero”.

Link correlati :L’intervista a padre Livori sul canale Youtube dell’Agenzia Fides