AMERICA/STATI UNITI – Numero degli interventi della US Border Patrol alla frontiera più alto in più di due decenni

 32 total views,  1 views today

Texas – La US Border Patrol ha riportato quasi 180.000 interventi per bloccare i migranti lungo il confine tra Stati Uniti e Messico a giugno 2021, il totale mensile più alto in più di due decenni.
Il numero di interventi mensili era sceso a 16.182 nell’aprile 2020, poco dopo che l’epidemia di coronavirus aveva costretto la chiusura del confine sudoccidentale e rallentato la migrazione in gran parte del mondo. Ma i casi di fermo di migranti sono aumentati drasticamente da allora, raggiungendo i 178.416 a giugno, secondo gli ultimi dati della U.S. Customs and Border Protection , l’agenzia federale che comprende la Border Patrol.
La cifra di giugno è il totale mensile più alto dal marzo 2000 e supera di gran lunga il picco durante l’ultima grande ondata migratoria al confine tra Stati Uniti e Messico, avvenuta nel maggio 2019. Le stime preliminari mostrano che il numero di incontri di migranti probabilmente è aumentato ulteriormente a luglio.
Proprio a maggio del 2019, i vescovi del Messico si erano espressi al riguardo: sulle continue carovane di migranti i vescovi hanno confermato la volontà di essere “Chiesa samaritana, preoccupata di alleviare il più possibile il dolore dei migranti, in attesa di una politica migratoria senza ambiguità né ingenuità, nel pieno rispetto dei diritti umani.”
Riguardo le cifre di questo 2021, la chiesa cattolica attraverso Mons. Mark Joseph Seitz, Vescovo della diocesi di El Paso, aveva espresso la sua gratitudine per la visita e per l’attenzione della Vice Presidente degli Stati Uniti, Kamala Harris sui fattori che spingono gli immigrati verso gli Stati Uniti. Aveva anche portato i saluti dell’Arcivescovo José H. Gomez, alla guida dell’arcidiocesi di Los Angeles, Presidente della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, ricordando l’importanza del problema alla frontiera: “I confini sono luoghi in cui il dramma della vita umana – la sua sofferenza e le sue aspirazioni – si dispiega e ci pongono davanti a una scelta morale: o costruire ponti o incontrare muri di paura” .