Antonio Alamanni – A voler sempre aver de’ fichi freschi

A voler sempre aver de’ fichi freschi
Tenetegli in conserva tra la lana;
Brancicategli spesso con la mana
Acciò che’l lattificcio di fuori eschi;
A voler che’l baccello scemi o creschi
Diguazza qiel ch’è in mezzo alla campana
A me pare una cosa molto strana
Che nel letto col bucine si peschi.
O sciocca, e goffa Donna, nana bietola
Che ti vien voglia di Porco salvatico
E fra le coscie, ‘l corpo abbiam la setola?
Ma se’l Marchese non fosse lunatico
Che tien pincioni in gabbia senza gretola
Direbbe che ogni bue, e Mattematico.
E se tu non si pratico
A ir verso Compiobbi quando piove
Ingegnati di far la via d’altrove.
Io maledico Giove
Ch’io non posso del mio fare a mio modo
Ch’ei sarà sempre vizzo, ond’egli è sodo.