Antonio Alamanni – Se vuoi saper se una femmina è schietta

Se vuoi saper se una femmina è schietta:
Piglia le carte, e recala boccone:
Gietta una spada, una coppa, e un bastone
E poi le da’ nella quarta arietta:
E s’ella fa la ua cuina netta,
Sta’ forte, e non aver dubitazione:
Ma sai tu quando vien confusione?
S’ei pigne, & esce fuor con la berretta.
Lascia la quarta lettera vocale;
Leva l’O, e poni A, sopra quel frutto
Ch’è cagion . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Toccal con mano, e se ti pare asciutto,
Intignivi tre volte . . . . . . . . . . . . . .
E guarda ben che lo riponga tutto.
Se l’uno, e l’altro o brutto
Dice il Maestro nostro Durlindana
Che tu puoi dir che costei sia . . . . .