ASIA/BANGLADESH – “Incontro matrimoniale”: gli sposi cristiani riscoprono la ricchezza del Sacramento

 13 total views,  1 views today

Dacca – La vita matrimoniale è una vita di pazienza, perdono e ascolto. E’ una vita di arricchimento reciproco, grazie alla presenza e alla forza che dà Gesù Cristo. È un lungo cammino insieme, illuminato e sostenuto dalla grazia di Dio. E’ quanto hanno maturato numerose coppie di sposi cristiani in Bangladesh grazie alla presenza e all’azione apostolica di “Worldwide Marriage Encounter”, movimento internazionale presente in 100 nazioni, che opera nel paese dal 1995. Liton Gomes, uomo d’affari cattolico di 55 anni che vive a Dhaka, racconta a Fides: “Ho avuto un problema di comprensione con mia moglie per nove anni dopo il matrimonio. Grazie a suor Pauline Nadeau abbiamo partecipato ai seminari di Worldwide Marriage Encounter. Mi hanno aiutato a capire meglio mia moglie, a superare trappole e ostacoli nella nostra relazione interpersonale, e ora viviamo una felice vita coniugale”.
Agnes Gomes, casalinga di Gazipur, condivide con Fides la sua storia: “Mio marito aveva verso di me atteggiamenti violenti e impositivi. Una suora ci suggerì di partecipare al weekend organizzato da Worldwide Marriage Encounter. Ci siamo ritrovati. Da coniugi infelici abbiamo ritrovato un cammino di serenità, ascolto e gioia”.
Agnes Gomes e Liton Gomes ringraziano la missionaria canadese della Santa Croce Suor Pauline Nadeau, morta di cancro a Montreal in Canada il 30 agosto scorso, all’età di 92 anni. La religiosa, arrivata nel Pakistan orientale nel 1955, ha svolto opera di missione nel paese per 54 anni. Ha scoperto i problemi delle coppie cattoliche e ha cercato una via per aiutarle, avviando l’esperienza di Worldwide Marriage Encounter in Bangladesh.
Mons. Gervas Rozario, Vescovo di Rajshahi e Vicepresidente della Conferenza Episcopale del Bangladesh , racconta a Fides: “Per la prima volta, suor Nadeau ha avviato un’attività di consulenza diretta alle coppie cattoliche nel centro di Pastorale familiare. Ha promosso e organizzato il movimento ‘Incontro Matrimoniale’ anche in questo paese, invitando coppie dalle Filippine e dall’India”.
Il Vescovo Gervas ha lavorato con Suor Nadeau nel movimento Worldwide Marriage Encounter e ha appreso quanto fosse importante per lei essere a servizio delle coppie: “Si preoccupava per le coppie in difficoltà e intendeva aiutarle perché potessero avere una vita coniugale felice. La ricorderemo per molti giorni”. Suor Nadeau ha creato un team di Marriage Encounter in Bangladesh, portando questo apostolato in tutto il paese: “Centinaia di coppie ne hanno tratto benefici”, nota il Vescovo. Oltre alle coppie sposate, anche il clero e i religiosi che partecipano ai seminari di Marriage Encounter imparano a gestire meglio le relazioni interpersonali nella loro vita religiosa e comunitaria.
Dal 1979, Suor Pauline Nadeau è stata coinvolta nella Pastorale familiare della Chiesa e ne è divenuta un punto di riferimento. Nel 1991 ha svolto un ruolo chiave nell’organizzare il primo Seminario Nazionale della Famiglia a Dhaka che ha richiamato 150 coppie cattoliche da tutto il Paese. Dopo anni di consultazioni e di lavoro pastorale, Worldwide Marriage Encounter Bangladesh è iniziato ufficialmente nel 1995, selezionando una coppia e un sacerdote come primo team per promuovere i seminari di formazione e di esperienza per i coniugi, con l’obiettivo di far riscoprire alle coppie sposate la profondità e la grazia del Sacramento ricevuto e la felicità nella vita coniugale e familiare.