ASIA/BANGLADESH – Nell’Anno dedicato a San Giuseppe, primo libro in lingua bengalese sul santo

 17 total views,  1 views today

Rajshshi – “San Giuseppe: protettore della famiglia e della Chiesa universale” è questo il titolo del primo libro pubblicato in lingua bengalese in onore del Santo, nell’Anno speciale a lui dedicato. Lo ha scritto il giovane sacerdote del Bangladesh don Johon Minto Ray, della diocesi di Rajshahi. Vescovi, suore, sacerdoti e fedeli locali hanno apprezzato molto l’iniziativa, perché “finora non esisteva nessun libro o pubblicazione di approfondimento in lingua bengalese su San Giuseppe”. Come appreso da Fides, il libro è il frutto di una accurata ricerca di padre Johon Minto, che è Preside della St. Louis High School, situata nella parrocchia di Mariabad. Il sacerdote ha avuto modo di studiare la figura del Santo durante il blocco dovuto alla pandemia e ha incluso la traduzione delle lettere e dei documenti dei Papi su San Giuseppe
“Sono molto devoto a San Giuseppe, prego con Lui e lo invoco come intercessore. Spero che, grazie a questo libro, la devozione dei fedeli verso il Santo possa aumentare”, racconta a Fides p. Johon Minto Ray. E prosegue: “Ho notato che non erano disponibili libri su San Giuseppe in Bangladese, quindi ho iniziato a fare ricerche su di lui. Mi sono messo all’opera. Questo libro aiuterà i lettori a conoscere molti aspetti sconosciuti su San Giuseppe, modello per ogni padre”.
Padre Johon ha studiato nelle Filippine e lì ha conosciuto più a fondo San Giuseppe: “Ora Giuseppe fa parte della mia vita. Ho portato dalle Filippine la statua di San Giuseppe dormiente. L’ho invocato e spesso ho ricevuto risposte interiori nella preghiera. Ho capito che era importante e la gente dovrebbe conoscerlo meglio. Pertanto ho utilizzato il mio tempo libero per promuoverne la conoscenza. I fedeli potranno conoscere le virtù di Giuseppe e ispirarsi a lui”.
Il Vescovo di Rajshahi, mons. Gervas Rozario, elogia l’iniziativa di pubblicazione del libro: “Il libro di padre Johon Minto Ray su San Giuseppe – afferma – è un’iniziativa tempestiva e significativa. I cristiani potranno conoscere meglio il santo in questo Anno di San Giuseppe. Possiamo apprendere molto da questo libro sul padre putativo di Gesù. Penso che sia una grande opera. Questo libro è una benedizione per tutti noi, che potremo arricchirci spiritualmente”.
Anche padre Daniel Sunil Rozario, anziano sacerdote di Rajshahi, apprezza l’opera: “Ho letto il libro di padre Johon su San Giuseppe. In nessun testo bangladese vi sono informazioni così rare e preziose. Il testo raccoglie informazioni e insegnamenti su San Giuseppe divulgati dalla Chiesa più antica a quelle diffuse dalla Chiesa in tempi moderni. Questo libro aiuta ogni famiglia ad essere una famiglia felice”.
Sujon Akka, laico cattolico, si dice “attratto dalla vita di San Giuseppe” e spiega: “San Giuseppe era un genitore ideale. Ho imparato a essere un genitore tollerante, paziente e protettivo studiando questo libro e conoscendolo più a fondo”. Il libro di 140 pagine, pubblicato dal “Protibashi Prokashoni del Christian Communication Center”, consta di sette capitoli che illustrano i valori, gli insegnamenti, i miracoli di San Giuseppe.