ASIA/CINA – Valorizzare i catechisti laici perché siano testimoni di Cristo nella società odierna

 17 total views,  3 views today

Cheng Du – Valorizzare i catechisti laici perché siano “i cristiani della nuova epoca” e testimoni del Signore nella società cinese di oggi: questi gli obiettivi del VI Corso di formazione per i catechisti laici attivi delle 7 diocesi della provincia di Si Chuan, nella Cina continentale. A causa della pandemia, i partecipanti sono stati limitati a 60. Il corso si è svolto presso il Seminario maggiore di Si Chuan dall’11 al 17 ottobre.
Alla luce della Lettera apostolica Antiquum Ministerium di Papa Francesco che istituisce il ministero del Catechista, i partecipanti hanno partecipato alle lezioni che hanno riguardato diversi temi: il catechismo, l’insegnamento della Chiesa, liturgia e sacramenti, il cattolicesimo in Cina, la tradizione culturale cinese e l’inculturazione della religione in Cina.
Don Li Zheng Gang, della diocesi di Nanchong, ha presentato Antiquum Ministerium, sottolineando l’importante ruolo svolto dai catechisti lungo la storia della Chiesa in Cina ed anche nella vita della Chiesa odierna, motivando i presenti ad un maggiore senso di responsabilità nell’evangelizzazione. Don Huang Yi Liang, insegnante del Seminario, ha illustrato il contributo dei missionari allo sviluppo della vita liturgica e alla traduzione del catechismo in lingua cinese. Altri sacerdoti hanno trattato i sette sacramenti e condiviso la loro esperienza pastorale e catechistica. Suor Chiara Duan, del Centro della formazione pastorale della diocesi di Xi Chang, ha accompagnato il cammino spirituale di preghiera dei catechisti.
Don Tong Heng Jiu, vice rettore esecutivo del Seminario maggiore di Si Chuan, dando il benvenuto ai partecipanti, li ha incoraggiati con queste parole: “la culla delle vocazioni, che è il Seminario, possa suscitare in voi, catechisti venuti dalle comunità ecclesiali di base, lo zelo missionario e accendere un forte desiderio di essere cristiani degni del nome di discepoli di Gesù”. Infine ha auspicato che i catechisti portino i frutti della loro formazione ai numerosi fratelli e sorelle della comunità, della società dove vivono e testimoniano la loro fede.