ASIA/COREA DEL SUD – “L’amore nutre”: solidarietà e gioia nel servire i poveri

 32 total views,  1 views today

Seoul – “L’amore nutre” è il motto e il titolo di un libro in cui il missionario degli Oblati di Maria Immacolata, padre Vincenzo Bordo racconta la sua straordinaria storia ed esperienza di prossimità ai poveri in Corea. Il missionario ha fondato e dirige a Seongnam, periferia di Seoul, la “Casa di Anna”, centro di accoglienza per senzatetto e adolescenti senza famiglia, oe a un mesa che da 30 anni nutre 800 senzatetto ogni giorno. Lì, oe a offrire cibo, “distribuisce sorrisi, abbracci e preghiera”, raccontano a Fides i volontari impegnati con lui. Padre Vincenzo è l’incarnazione della “Chiesa del grembiule” e il suo nome corano è padre Kim Ha-jong, ovvero “Servo di Dio”. “Con cuore amorevole si prende cura delala dignità di essere umani, dei più poveri”, raccontano i suoi collaboratori. Il pasto alla mesa si svolge in un’atmosfera amichevole e luminosa, in cui “è l’amore a nutrire, prima di tutto, ogni essere umano”, afferma padre Bordo che ha pubblicato in lingua coreana il testo dove racconta la sua esperienza, dall’arrivo in Corea come missionario nel 1990, fino ad oggi. Tutte le entrate ottenute con la vendita del testo saranno devolute ai poveri e ai senzatetto. “Ogni volta che si vendo un libro, si offre un pasto di a un senzatetto. E’ l’amore che nutre, insieme con il pane” rileva.
La accresciuta sensibilità della Chiesa coreana verso i poveri si è espressa con chiarezza nella “Giornata mondiale dei Poveri”, proclamata da Papa Francesco, celebrata il 14 novembre in tutte le diocesi. L’Arcidiocesi di Seoul ha ideato una serie di eventi per celebrare la Giornata dei poveri, annunciando che non saranno gesti isolati o compiuti solo un per un giorno l’anno.
“Spero che questo servizio possa essere un’occasione per tutti noi di renderci conto che siamo poveri e vulnerabile davanti a Dio. Noi, come una famiglia umana, siamo chiamati a mostrare solidarietà con i poveri, condividendo e tendendo le nostre mani a coloro che sono nel bisogno”, ha affermato l’Arcivescovo eletto di Seul , mons. Peter Chung, impegnato nel corso della speciale Giornata, accanto al Cardinale Andrew Yeom Soo-jung e ad ai Vescovi di Seoul, nel servire pasti ai senzatetto alla mensa “Myeongdong Babjib”, presso il complesso della Cattedrale di Seul. I Presuli hanno espresso gratitudine ai volontari che hanno preparato i pasti fina dalle prime ore del mattino. Sono 874 i volontari registrati, e tra loro 72 non cattolici, a turno impegnati alla mensa. Il Cardinale Yeom ha detto : “In questa Giornata siamo tutti invitati dallo Spirito Santo a unirci come sorelle e fratelli. Questa occasione speciale ci ricorda il fatto che siamo davvero Fratelli tutti, chiamati a camminare insieme come un’unica famiglia”.
‘Myeongdong Babjib’ è una mensa per i poveri gestita dal Movimento “One Body One Spirit”, che ha sede proprio accanto alla Cattedrale di Myeongdong. Nella struttura si offrono pasti gratuiti a senzatetto ogni mercoledì, venerdì e domenica . Secondo i dati registrati, oe 70.000 senzatetto hanno visitato la mensa fino al 30 ottobre 2021. Accanto alla mensa vi è la “Clinica Raphael Nanum” gestita dalla Fondazione Raphael Nanum, struttura medica gratuita che ha iniziato la sua attività il 13 giugno 2021 in cooperazione con la con “Myeongdong Babjib”. La Clinica ha fornito servizi di assistenza sanitaria a 2.160 senzatetto individui negli ultimi 4 mesi.