ASIA/INDIA – I Vescovi al governo: “No” alle leggi anti-conversione

 13 total views,  1 views today

New Delhi – Una delegazione dei Vescovi indiani, cattolici e di ae confessioni cristiane, ha incontrato i ministri federali per chiedere l’abrogazione delle leggi anti-conversione, approvate dai governi in alcuni stati della Federazione indiana. Come appreso da Fides, tra gli ai presenti nella delegazione, mons. Anil Joseph Thomas Couto, Arcivescovo di Delhi, Mons. Kuriakose Bharanikulangara, Arcidiocesi di di Faridabad, della Chiesa siro-malabarese di rito orientale, e Mons. Subodh C. Mondal della Chiesa Metodista in India nell’area episcopale di Delhi, hanno tenuto uno speciale incontro con Mukhtar Abbas Naqvi, Ministro federale per gli affari delle minoranze, e John Barla, sottosegretario. La delegazione, che ha incontrato le autorità il 28 settembre, era composta da 50 leader cristiani in rappresentanza di diverse denominazioni. A nome di tutti, mons. Couto ha presentato un Memorandum contenente diverse questioni che toccano le minoranze cristiane nel Paese e il tema della libertà religiosa.
Le leggi anti-conversione, in vigore in diversi stati indiani, proibiscono la conversione religiosa con la forza o con l’inganno e sono un reato punibile con diverse sanzioni. Alcuni degli stati che hanno promulgato leggi per vietare le conversioni religiose sono Odisha, Uttar Pradesh, Arunachal Pradesh, Chhattisgarh, Gujarat, Jharkhand, Himachal Pradesh, Madhya Pradesh e Uttrakhand.
Le leggi anti-conversione, secondo i Vescovi, violano la lettera e lo spirito della Costituzione indiana che prevede la libertà di praticare, promuovere e propagare la propria religione secondo coscienza e libertà.
In questa fase, un ao stato, il Karnataka nel sud dell’India, sta progettando di emanare un simile legge. Il 28 settembre il Primo ministro dello Stato, Basavaraj Bommai ha emesso un ordine per limitare la “conversione religiosa forzata”, sebbene i dieci vescovi del Karnataka lo abbiano incontrato nei giorni precedenti, auspicando di non procedere con alcuna nuova normativa.
Il Karnataka è una vasto stato nel Sud dell’India governato dal partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party . Seguendo un’ideologia diffusa nel BJP , i nazionalisti indù vorrebbero trasformare l’India da paese laico a stato teocratico indù. ttualmente, sono governati dal BJP gli stati di Himachal Pradesh, Uttar Pradesh e Madhya Pradesh, che hanno già emanato controverse leggi anti-conversione.
La delegazione dei Vescovi ha espresso ai ministri federali preoccupazione sulle nuove restrizioni legali che limitano o impediscono la possibilità di donazioni straniere per opere di beneficenza rivolte alle comunità povere e vulnerabili del Paese. Il ministro Naqvi ha sottolineato il patrimonio culturale condiviso e l’eredità della convivenza tra le varie comunità religiose. Ha anche detto che “qualsiasi tentativo di disturbare questo tessuto di unità e armonia danneggerà l’anima dell’India”, ha aggiunto.
La delegazione ha inoe informato il governo federale delle ripetute violenze contro i cristiani e di episodi di distruzione o saccheggio delle chiese in tutto il Paese. In un recente caso avvenuto il 17 settembre, cinque famiglie cristiane nel distretto di Kandhamal, nello stato di Odisha, hanno subito abusi e violenze dagli indù e almeno una casa appartenente a un cristiano è stata bruciata. Nella maggior parte dei casi – hanno affermato i Vescovi – la polizia e i funzionari del governo non prestano molta attenzione alle lamentele dei cristiani. Anche in questo caso ministri hanno assicurato ai leader cristiani che esamineranno la questione.
La delegazione ha informato il governo sulla discriminazione a danno di Dalit cristiani e musulmani che non possono godere dei benefici concessi dal governo ai dalit, che toccano il lavoro, l’occupazione e ai provvedimenti di welfare.
Infine i leader delle Chiese hanno chiesto al governo federale contributi per istituire un’università cristiana federale, con fondi pubblici e privati, pensandola come una grande polo di istruzione a beneficio di tutti i cittadini, di ogni cultura, etnia o religione.
Secondo il censimento indiano del 2011, gli indù sono 966 milioni, circa l’80% della popolazione indiana stimata in 1,3 miliardi. I musulmani sono 172 milioni , mentre i cristiani sono 29 milioni