ASIA/IRAQ – Il Sinodo della Chiesa assira d’Oriente riunito per eleggere il nuovo Patriarca

 8 total views,  1 views today

Erbil – Si è aperta lunedì 6 settembre 2021 l’assemblea sinodale della Chiesa assira d’Oriente, convocata per eleggere il nuovo Patriarca. Il sinodo elettivo si svolge presso la chiesa assira di san Giovanni Battista ad Ankawa, sobborgo di Erbil abitato in maggioranza da cristiani. La riunione è iniziata con l’intervento del Patriarca dimissionario Gewargis III Sliwa, che già nel febbraio 2020 aveva rinunciato all’ufficio patriarcale per motivi di salute. Dopo il suo intervento, i 15 vescovi assiri presenti hanno iniziato le sessioni a porte chiuse per eleggere il nuovo Patriarca.
Mar Gewargis III Sliwa aveva annunciato il suo ritiro dall’ufficio patriarcale con una lettera inviata a tutti i vescovi assiri il 3 febbraio 2020 . In quella lettera, Mar Gewargis riferiva che le sue condizioni di salute stavano migliorando, dopo i gravi problemi sanitari che lo avevano colpito nel dicembre 2019 dicembre durante un suo soggiorno in Germania. Nel contempo, proprio il deterioramento delle sue condizioni fisiche – aggiungeva nella sua lettera il Patriarca – lo aveva portato a riflettere in profondità sulla sua impossibilità a esercitare in maniera adeguata le funzioni legate al “compito sublime” che gli è stato affidato. Per questo, in piena libertà e dopo approfondita riflessione e preghiera, il Patriarca Gewargis aveva deciso di rinunciare all’ufficio patriarcale e alle mansioni ad esso connesse. Il Sinodo elettivo per eleggere il nuovo Patriarca della Chiesa assira d’Oriente era stato convocato in prima istanza a Erbil dal 22 al 27 aprile 2020, con un comunicato inviato a tutti i vescovi da Mar Awa Royel, Vescovo assiro di California e Segretario generale del Santo Sinodo assiro. Poi, con l’esplosione della pandemia, le diverse ondate di contagi da Covid-19 avevano provocato il rinvio delle procedure elettorali volte a dare un nuovo Patriarca alla Chiesa assira d’Oriente.
Gewargis Sliwa è nato il 23 novembre del 1941 ad Habbaniya, in Iraq. Ha compiuto i suoi studi prima a Baghdad e poi negli Usa. E’ stato ordinato sacerdote nel giugno del 1980 e Arcivescovo metropolita per l’Iraq nel 1981. Il Sinodo della Chiesa assira d’Oriente lo ha scelto come nuovo Patriarca il 16 settembre 2015 . Come Metropolita di Iraq, Giordania e Russia, Gewargis era l’unico candidato alla carica patriarcale che fosse ancora residente in territorio iracheno.
La sede patriarcale assira, in seguito all’esilio del Patriarca Mar Eshai Shimun XXIII, aveva lasciato il Medio Oriente dal 1933 e dal 1940 era stata insediata a Chicago, negli Stati Uniti. Durante gli anni dell’ufficio patriarcale di Mar Gewargis la sede patriarcale della Chiesa assira d’Oriente è tornata in Medio Oriente ed è stata collocata a Erbil, capitale del Kurdistan iracheno. Mar Gewargis III il era succeduto al Patriarca Mar Dinkha IV, spentosi nel marzo 2015 negli Stati Uniti, dopo un mandato patriarcale durato ben 39 anni.
La Chiesa assira d’Oriente non ha mai avuto conflitti teologici e dogmatici diretti con il Vescovo di Roma. Il dialogo teologico tra Chiesa assira e Chiesa cattolica è iniziato ufficialmente nel 1984, e ha condotto alla dichiarazione cristologica comune del 1994 , che ha confessato la fede in Cristo condivisa tra cattolici e assiri. La teologia e la spiritualità della Chiesa assira sottolineano con forza la natura umana di Cristo.
Nel suo primo incontro con Papa Francesco , avvenuto a Roma nel novembre 2016, Mar Gewargis III aveva suggerito al Vescovo di Roma di indire una riunione dei Patriarchi e dei Capi delle Chiese d’Oriente per «discutere della situazione del Medio Oriente, pregare insieme, cercare soluzioni ai problemi». Il suggerimento del Patriarca assiro si è poi di fatto realizzato con l’incontro ecumenico sul Medio Oriente convocato da Papa Francesco a Bari il 7 luglio 2018.