ASIA/MALAYSIA – Una donna alla guida del Settimanale cattolico Herald

 238 total views,  1 views today

Kuala Lumpur – I Vescovi malaysiani hanno nominato la prima donna come Direttrice del settimanale cattolico “Herald”: si tratta di Patricia Pereira, che ha assunto la responsabilità della rivista dal 1° luglio. Pereira è stata per quattro anni addetta alle relazioni con i media nell’ Arcidiocesi di Kuala Lumpur. Ha iniziato a lavorare come redattrice dell’Herald dal 1996 al 2006, poi ha lasciato il giornale per una esperienza di comunicazione nel mondo aziendale. Ora torna a dirigere lo storico e importane settimanale della Chiesa cattolica in Malaysia.
Nel presentare la laica cattolica Pereira alla guida del settimanale, Mons. Sebastian Francis, Vescovo di Penang, Mons. Julian Leow, Arcivescovo di Kuala Lumpur e Mons. Bernard Paul, Vescovo di Malacca-Johore, hanno affermato: “Pereira porta con sé anni di esperienza nel campo dei media e della comunicazione, sia nella Chiesa che nel settore privato. Siamo certi che svolgerà i compiti di direttore per il bene della Chiesa e della comunità”.
Il Gesuita padre Lawrence Andrew, Direttore uscente, che ha avviato le pubblicazioni e servito per 27 anni l’Herald, ha detto a Fides: “Nel 2020, colpito dalla pandemia, questo supporto di stampa è stato trasformato in un e-paper che attualmente è diffuso in Malaysia e oe. Patricia Pereira porta con sé il contributo femminile che evidenzierà la tenerezza che Papa Francesco richiede alla Chiesa”. Dalla sua istituzione, l’8 settembre 1994, nell’Arcidiocesi di Kuala Lumpur, padre Andrew ha ampliato la distribuzione dell’Herald in tutta la Malaysia peninsulare e, infine, negli stati malaysiani di Sabah e Sarawak, facendolo diventare uno strumento non solo diocesano ma di tutta la Chiesa cattolica malaysiana.
Nella missione di comunicare notizie aggiornate e valori cristiani, padre Andrew e il suo team sono divenuti un punto di riferimento nelle diocesi. Storica è stata la battaglia legale per permettere alla pubblicazione di riferirsi a Dio con il nome di “Allah” utilizzato normalmente dalle comunità cattoliche indigene malaysiane. Durante la pandemia di Covid-19, padre Andrew si è assicurato che l’Herald potesse continuare a raggiungere il maggior numero possibile di lettori grazie al formato digitale.
“Mi avvicino al mio nuovo ruolo con entusiasmo e un po’ di trepidazione. Sono emozionata per questa grande opportunità che mi è stata data come laica chiamata ad assumere questa responsabilità “, ha detto Pereira a Fides.
La nuova Direttrice ricorda che “Papa Francesco ha chiesto che le donne possano esse presenti nella leadership della Chiesa, e la mia nomina è la prova che la Chiesa malaysiana è sempre stata aperta nel far sì che le donne ricoprano ruoli di primo piano. Vi è la consapevolezza e l’accettazione che i laici, specialmente le donne, possono portare un prezioso contributo alla Chiesa, secondo la loro specificità”. “Credo sia molto importante ascoltare la voce dei lettori, conoscere e comprendere le loro preferenze e necessità”, aggiunge.
Nel 2020, il Centro di ricerca cattolico guidato da padre Clarence Devadass ha condotto un’indagine sui media cattolici e alcuni dei cambiamenti che la Direttrice intende apportare si baseranno anche sui risultati dell’indagine. “Vedo la nostra pubblicazione, Herald Malaysia, come un grande strumento di evangelizzazione, per la catechesi, la formazione, l’arricchimento della fede cattolica”, rileva “Il nostro ritorno di investimento non si misura in denaro o profitto economico, ma in termini di crescita dei lettori nella fede, nella spiritualità, nella cultura, nell’amore per la Chiesa”. L’intento del lavoro sarà “creare una relazione simbiotica tra la versione cartacea e la versione online, integrandole a vicenda”
La Malaysia è una nazione multiculturale e multireligiosa di 31 milioni di abitanti, al 61% di fede islamica, circa il 20% sono i buddisti, il 9,2% cristiani . Due terzi dei 2,6 milioni di cristiani vivono nella Malaysia orientale, negli stati di Sabah e Sarawak , dove costituiscono il 30% della popolazione.