ASIA/MYANMAR – Tornati al servizio pastorale il prete cattolico e il catechista rilasciati dalle milizie dello stato Chin

 23 total views,  1 views today

Hakha – Sono al sicuro e proseguono nel servizio pastorale il sacerdote cattolico p. Noel Hrang Tin Thang e il catechista Clement Cung Hnin, della diocesi di Hakha, rapiti dalla Chinland Defense Force , milizia locale dello stato birmano Chin e rilasciati il 4 agosto scorso. Come conferma all’Agenzia Fides p. Paul Thla Kio, prete della diocesi di Hakh, i due sono stati rilasciati e sono tornati alle loro residenze nella città di Surkhua. La vicenda ha causato preoccupazione nella Chiesa perchè il caso mostra come i sacerdoti, che dialogano sia con l’esercito governativo, sia con i gruppi ribelli, possono essere scambiati per “collaborazionisti” dall’una o dall’aa parte in conflitto. In particolare il sacerdote rapito aveva chiesto a un generale militare di evitare di combattere nella città di Surkhua per evitare di coinvolgere i civili nel conflitto armato.
Come appreso da Fides, la delegazione del Vescovo di Hakha, che ha negoziato il rilascio dei due, ha dovuto sottoscrivere un impegno in quattro punti: il sacerdote deve interrompere ogni contatto con i militari dell’esercito birmano; deve evitare di denigrare la CDF; non deve coinvolgersi in realizzare progetti governativi; deve essere trasferito ad Hakha.
I membri della Chinland Defense Force hanno sequestrato padre Noel Hrang Tin Thang insieme al catechista Clement Cung Hnin il 26 luglio 2021 mentre stavano viaggiando dalla città di Surkhua verso Hakah, capitale dello stato Chin . Entrambi appartengono alla parrocchia di Nostra Signora del Rosario nella città di Surkhua, nella diocesi di Hakha.
In un appello per il rilascio, il Vescovo di Hakha, Lucius Hre Kung di Hakha, aveva espresso preoccupazione per la loro sicurezza, invitando a pregare per la salvezza dei due sequestrati, ricordando che il sacerdote e il catechista operano per il bene della popolazione e non sono legati ad alcun gruppo militare o politico e che non collaborano in alcun modo con l’esercito regolare.
La Chinland Defense Force è una milizia locale istituita il 4 aprile 2021 nello stato Chinm, opponendosi all’esercito che ha preso il potere con il colpo di stato il 1° febbraio scorso. Gli obiettivi diramati dalla milizia sono: proteggere i civili dalla giunta militare; abolire la costituzione del Myanmar del 2008, porre fine alla dittatura e stabilire un’Unione federale.