ASIA/SRI LANKA – Giornata del clero autoctono e contributo alla Pontificia Opera di San Pietro Apostolo

 74 total views,  1 views today

Colombo – “Sei tu che io ho preso dall’estremità della terra e ho chiamato dalle regioni più lontane e ti ho detto: «Mio servo tu sei, ti ho scelto, non ti ho rigettato”: si ispira al brano biblico di Isaia il tema della speciale Giornata del Clero autoctono che, organizzata dalla Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Sri Lanka, si celebra domani 25 luglio e intende sensibilizzare sulle vocazioni al sacerdozio e sulla formazione dei giovani in cammino verso il sacerdozio. “Tu sei il mio servo, eletto”, recita il cartellone elaborato dalle POM srilankesi e diffuso in tutte le diocesi del paese. I fedeli, nonostante il tempi duri segnati dalla pandemia di Covid-19, frequenteranno le chiese, riunendosi in preghiera per le vocazioni indigene indigene.
“La Giornata – spiega all’Agenzia Fides p. Basil R. Fernando, Direttore nazionale delle POM in Sri Lanka – sarà anche l’occasione per la speciale colletta nazionale in favore della Pontificia Opera di San Pietro Apostolo che, tra le Pontificie Opere Missionarie, si occupa specificamente della vita dei Seminari e dei formatori”. “In tal modo – prosegue il Direttore – tutta la Chiesa in Sri Lanka , intende contribuire avere a cuore la formazione del clero sia nella nostra nazione, ma anche in tutti gli ai paesi del mondo, con un orizzonte universale che è sempre quello della Chiesa cattolica. Viviamo tempi molti difficili, le ferite della malattia, della povertà e dell’indigenza si fanno sentire, la gente soffre per i lockdown imposti a causa della pandemia e molte famiglie hanno forti difficoltà per il sostentamento quotidiano, oggi soprattutto nella parte occidentale dello Sri Lanka. Nonostante tutto ciò, la fede ci spinge ad allargare lo sguardo, a considerare quanti soffrono in tutto il mondo, a pregare e aiutare materialmente la vita della Chiesa e la formazione degli ‘operai del vigna del Signore’. Per questo i fedeli delle 12 diocesi della nazione, che un mese fa hanno ricevuto da tute le parrocchie una busta per donare il proprio obolo, contribuiranno con il cuore e con grande sacrificio all’Opera di San Pietro Apostolo, offrendo il proprio dono durante la celebrazione eucaristica di domani 25 luglio”. I contributi raccolti andranno soprattutto ai Seminari maggiori e minori per aiutare l’opera di formazione dei futuri sacerdoti. Accanto alla colletta, nelle messe si reciteranno speciali preghiere affinché sempre più giovani rispondano alla chiamata del Signore, per diventar presbiteri.
La Giornata del Clero Indigeno si riferisce esplicitamente all’Opera di San Pietro Apostolo, fondata in Francia nel 1889 grazie all’opera di due donne, Stephanie e Jean Bigard, con l’idea di preparare e contribuire materialmente e spiritualmente all’evangelizzazione, aiutando a sviluppare in ogni nazione con un clero autoctono.
Secondo l’Annuario Statistico della Chiesa cattolica in Sri Lanka su una popolazione di 21,8 milioni di abitanti i cattolici sono 1,6 milioni; i sacerdoti cattolici diocesani sono 953, mentre 580 sono quelli appartenenti a congregazioni religiose
PA)