Cecco Angiolieri (?) – Quando mie donn’esce la man del letto

 91 total views,  1 views today

Quando mie donn’esce la man del letto
che non s’ha post’ancor del fattibello,
non ha nel mondo sì laido vasello,
che, lungo lei, non paresse un diletto;
così ha ‘l viso di bellezze netto
fin ch’ella non cerne col burattello
biacca, allume scagliuol’e bambagello:
par a veder un segno maladetto!
Ma rifassi d’un liscio smisurato,
che non è om che la veggia ‘n chell’ora,
ch’ella nol faccia di sé ‘nnamorato.
E me ha ella così corredato,
che di null’altra cosa metto cura
se non di lei: o ecc’om ben ammendato.