Privacy Policy - Cookies Policy- Termini e condizioni

Please visit our new website audiobookgratis.it. It's absolutely free!



Static Wikipedia: Italiano - Inglese - Francese - Spagnolo - Tedesco - Portoghese - Olandese - Polacco - Russo - CineseTurco - Svedese - Swahili - Afrikaans - Vietnamita - Ebraico - Greco - Arabo - Coreano - Finlandese - Winaray - Giapponese - Ungherese - Bulgaro - Farsi - Danese - HindiLituano - Lettone - Catalano - Euskera - Esperanto - Estone -Norvegese -Rumeno -
 Static Wikipedia - Other Languages:  aa - aab - als - am - amg - an -  arc- as - ba - bar - bat - bcl -  be - bh - bi - bm - bn - bo - bpy - br - bs - bug - bxr - cdo - ce - ceb - ch - cho - chr - chy - co - cr - crh - cs - csb - cu - cv - cy- diq - dib - dv - dzee - eml  - ext - fa - ff - fiu - fj - fo - frp - fur - fy - ga - gan - gd - gl - glk . gn - got - gugv - ha - hak  - hif - ho - hr - hsb  - hy - hz -ia- id - ie - ig - ii - ik - ilo - io - is - iu - jbo - jv - ka - kaa - kab - kg - ki - kj - kk - kl - km - kn - kr - ks - ksh - ku - kv - kw - ky - la - lad - lb - lbe - lg - li - lij - lmo - ln - lomdf - mg - mh - mi - mk - ml - mn - mo - mr - mt - mus -my - myv - mzn - na - nh - nap - ne - nds - new -ng - nn - nov - nrm - nv - ny - oc - om - or - os - pag - pa - pdc - pih - pi - pms - ps - qu - rm - rmy - rn - rw - sa- sah - sc -scn - sco -sd - se - sg - sh - si - simple - sk - sl - sm - sn - so - sr - srn - ss - st - stq - su - szl - ta - te - tet - tg - th - ti - tk - tl - tlh - tn - to - tpi - ts - tt - tum - tw - ty - udm - ug - uk - ur - uz - ve - vec - vi - vls - vo - wa - war - wo - wuu -xal - xh - yi - yo - za - zea - zu -  
Other Static Wikipedia: .org - .it - .net - .eu - com - controversi.org - literaturaespanola.es - Quality articles
Wikipedia for Schools: English - French - Spanish - Portuguese
101 free audiobooks - Stampa Alternativa - The Open DVD - Open Bach Project  - Liber Liber - PunchLibretti d'opera - Audioletture - Audible
Appunti di informatica libera - Conferenze - Audiobook PG - Bach Organ WorksEnglish PG - Italiano PG - GNUtemberg - Guide LinuxAnonymous PG -
Holy Bible: King James Version -  OnLine Bible - Spanish Reina Valera - French Segond - World English Bible - KJV Concordances - Concordanza Biblica -
Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite - Wikipedia

Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'aula del Consiglio di Sicurezza
Ingrandisci
L'aula del Consiglio di Sicurezza

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (in inglese Security Council in francese Conseil de sécurité) è l'organo probabilmente più potente delle Nazioni Unite. Si riunì per la prima volta il 17 gennaio 1946 a Londra. Lo scopo del Consiglio è stabilito dall'articolo 24 dello Statuto delle Nazioni Unite, al consiglio viene conferita "la responsabilità principale del mantenimento della pace e della sicurezza internazionale".

Le decisioni del Consiglio necessitano di una maggioranza di almeno 9 dei 15 membri e di tutti i 5 membri permanenti.

Indice

[modifica] Membri

Il Consiglio è composto da cinque membri permanenti e dieci membri non-permanenti eletti fra i paesi membri delle Nazioni Unite. Ogni anno l'Assemblea generale elegge cinque membri non-permanenti che restano in carica per due anni. Un rappresentante di ogni paese membro deve essere costantemente presente presso la sede ONU in modo che il consiglio possa riunirsi in ogni momento.

Uno stato membro delle Nazioni Unite ma non del Consiglio di sicurezza può prendere parte alle sedute del Consiglio se esso ritiene che le decisioni prese possano coinvolgere gli interessi del paese. Negli anni recenti questa norma è stata interpretata in senso molto ampio consentendo a molti paesi di partecipare alle sedute e alle discussioni.

Il Presidente del Consiglio di sicurezza cambia con una turnazione mensile tra i membri seguendo l'ordine alfabetico dei paesi. Anche il Segretario generale delle Nazioni Unite ha un seggio presso il Consiglio di sicurezza ma non ha diritto di voto.

[modifica] Elenco completo membri

– Membri permanenti
Stati Uniti d'America
Francia
Regno Unito
Cina, fino al 1971 Taiwan
Russia, fino al 1991 Unione Sovietica


– Membri eletti
Periodo del mandato Stati eletti
1946 Egitto, Paesi Bassi, Messico
1946 e 1947 Australia, Brasile, Polonia
1947 e 1948 Belgio, Colombia, Siria
1948 e 1949 Argentina, Canada, Repubblica Socialista Sovietica Ucraina
1949 e 1950 Cuba, Egitto, Norvegia
1950 e 1951 Ecuador, India, Jugoslavia
1951 e 1952 Brasile, Paesi Bassi, Turchia
1952 e 1953 Cile, Grecia, Pakistan
1953 e 1954 Colombia, Danimarca, Libano
1954 e 1955 Brasile, Nuova Zelanda, Turchia
1955 e 1956 Belgio, Iran, Perù
1956 Jugoslavia
1956 e 1957 Australia, Cuba
1957 Filippine
1957 e 1958 Colombia, Iraq, Svezia
1958 e 1959 Canada, Giappone, Panama
1959 e 1960 Argentina, Italia, Tunisia
1960 Polonia
1960 e 1961 Ceylon, Ecuador
1961 Liberia, Turchia
1961 e 1962 Cile, Repubblica Araba Unita
1962 Irlanda, Romania
1962 e 1963 Ghana, Venezuela
1963 Filippine
1963 e 1964 Brasile, Marocco, Norvegia
1964 Cecoslovacchia
1964 e 1965 Bolivia, Costa d'Avorio
1965 Malaysia
1965 e 1966 Giordania, Paesi Bassi, Uruguay
1966 Nuova Zelanda, Uganda
1966 e 1967 Argentina, Bulgaria, Giappone, Mali, Nigeria
1967 e 1968 Brasile, Canada, Danimarca, Etiopia, India
1968 e 1969 Algeria, Ungheria, Pakistan, Paraguay, Senegal
1969 e 1970 Colombia, Finlandia, Nepal, Spagna, Zambia
1970 e 1971 Burundi, Nicaragua, Polonia, Sierra Leone, Siria
1971 e 1972 Argentina, Belgio, Italia, Giappone, Somalia
1972 e 1973 Guinea, India, Panama, Sudan, Jugoslavia
1973 e 1974 Australia, Austria, Indonesia, Kenya, Perù
1974 e 1975 Repubblica Socialista Sovietica Bielorussa, Camerun, Costa Rica,
Iraq, Mauritania
1975 e 1976 Guyana, Italia, Giappone, Svezia, Tanzania
1976 e 1977 Benin, Libia, Pakistan, Panama, Romania
1977 e 1978 Canada, Germania, India, Mauritius, Venezuela
1978 e 1979 Bolivia, Cecoslovacchia, Gabon, Kuwait, Nigeria
1979 e 1980 Bangladesh, Giamaica, Norvegia, Portogallo, Zambia
1980 e 1981 Repubblica Democratica Tedesca, Messico, Nigeria, Filippine,
Tunisia
1981 e 1982 Irlanda, Giappone, Panama, Spagna, Uganda
1982 e 1983 Guyana, Giordania, Polonia, Togo, Zaire
1983 e 1984 Malta, Paesi Bassi, Nicaragua, Pakistan, Zimbabwe
1984 e 1985 Burkina Faso, Egitto, India, Perù,
Repubblica Socialista Sovietica Ucraina
1985 e 1986 Australia, Danimarca, Madagascar, Thailandia,
Trinidad e Tobago
1986 e 1987 Bulgaria, Congo, Ghana, Emirati Arabi Uniti, Venezuela
1987 e 1988 Argentina, Germania, Italia, Giappone, Zambia
1988 e 1989 Algeria, Brasile, Nepal, Senegal, Jugoslavia
1989 e 1990 Canada, Colombia, Etiopia, Finlandia, Malaysia
1990 e 1991 Costa d'Avorio, Cuba, Romania, Yemen, Zaire
1991 e 1992 Austria, Belgio, Ecuador, India, Zimbabwe
1992 e 1993 Capo Verde, Ungheria, Giappone, Marocco, Venezuela
1993 e 1994 Brasile, Gibuti, Nuova Zelanda, Pakistan, Spagna
1994 e 1995 Argentina, Repubblica Ceca, Nigeria, Oman, Ruanda
1995 e 1996 Botswana, Germania, Honduras, Indonesia, Italia
1996 e 1997 Cile, Egitto, Guinea-Bissau, Polonia, Corea del Sud
1997 e 1998 Costa Rica, Giappone, Kenya, Portogallo, Svezia
1998 e 1999 Bahrain, Brasile, Gabon, Gambia, Slovenia
1999 e 2000 Argentina, Canada, Malaysia, Namibia, Paesi Bassi
2000 e 2001 Bangladesh, Giamaica, Mali, Tunisia, Ucraina
2001 e 2002 Colombia, Irlanda, Mauritius, Norvegia, Singapore
2002 e 2003 Bulgaria, Camerun, Guinea, Messico, Siria
2003 e 2004 Angola, Cile, Germania, Pakistan, Spagna
2004 e 2005 Algeria, Benin, Brasile, Filippine, Romania
2005 e 2006 Argentina, Danimarca, Grecia, Giappone, Tanzania
2006 e 2007 Congo, Ghana, Perù, Qatar, Slovacchia
2007 e 2008 Belgio, Indonesia, Italia, Panama, Sudafrica

[modifica] Dibattito sul numero dei membri

Il Segretario generale Kofi Annan ha incaricato un team di consulenti di esporre delle raccomandazioni in merito ad una riforma del Consiglio. Una delle soluzioni proposte è quella di ampliare il numero di membri permanenti.

Nel settembre 2004 il Brasile, l'India, il Giappone e la Germania hanno concordato di appoggiarsi reciprocamente per ottenere un seggio permanente. Nell'ambito della riforma del consiglio dovrebbe essere ammesso anche uno stato africano, sono in discussione la Nigeria, il Sudafrica e l'Egitto. In futuro a fianco dei 10 membri permanenti è previsto che facciano parte del Consiglio 14 membri non-permanenti.
Tra i paesi che hanno fatto richiesta di divenire membri permanenti il Giappone e la Germania sono il secondo e terzo paese finanziatore delle Nazioni Unite. La Germania è anche il secondo paese, dopo gli Stati Uniti, come contributi in termini di truppe coinvolte in missioni delle Nazioni Unite. Italia e Paesi Bassi hanno suggerito, al posto della candidatura di un terzo paese europeo, l'istituzione di un seggio assegnato all'Unione Europea.

La candidatura dell'India è appoggiata da Francia, Regno Unito e Russia. L'appoggio da parte della Cina rappresenta una svolta significativa nelle relazioni tra i due paesi, considerando che l'alleato tradizionale della Cina, il Pakistan, si oppone alla candidatura dell'India.

[modifica] Decisioni

Le decisioni del Consiglio di sicurezza che riguardando decisioni sostanziali - come per esempio l'utilizzo di misure dirette per la risoluzione di conflitti - richiedono il voto positivo di nove membri, è però sufficiente il voto negativo di uno dei membri permanenti - il veto - per annullare la decisione. L'astensione non è considerata pari al veto. Dal 1945 i membri permanenti hanno fatto uso del diritto di veto per 279 volte.

[modifica] Voci correlate

  • Nazioni Unite
    • Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dal 1995 al 2005
      • Esito delle votazioni delle Risoluzioni***

[modifica] Collegamenti esterni