Dieci anni dopo il primo assedio, il regime di Assad accerchia Daraa, culla della rivoluzione siriana

 55 total views,  1 views today

Assedio scoppiato il 25 giugno in rigetto alle elezioni di maggio

Barriere di terra sono state erette dalle forze del regime di Assad per bloccare gli spostamenti dei residenti tra vari quartieri in tutta la provincia di Daraa. Foto scattata da Lawrence Abu Adam. Usata previa autorizzazione.

Il regime siriano di Assad e i suoi alleati russi stanno conducendo una nuova campagna militare contro la città di Daraa nel sud del paese,  fonte della rivoluzione siriana. Dal 25 giugno, molti quartieri nella provincia sono stati sottoposti ad un brutale assedio, con lo scopo di esercitare una forte pressione sui residenti, in rappresaglia contro il loro famoso movimento popolare [ar, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], che va contro le elezioni presidenziali tenutesi lo scorso maggio. 

Le elezioni, vinte dal candidato Bashar in maniera schiacciante secondo le dichiarazioni del regime, sono state ampiamente considerate [it] illegittime, con molti cittadini che hanno scelto di boicottarle per manifestare il proprio dissenso.

Secondo le stime di attivisti e giornalisti, l'assedio e le restrizioni di sicurezza imposte sui quartieri di Daraa(incluso il quartiere orientale di Tareeq Al-Sadd [en]), sui campi profughi della città, i campi per gli sfollati interni IDP(Internally Displaced People)  e le fattorie limitrofe, stanno soffocando 11.000 famiglie, circa 50.000 persone.

Hassan Al-Hariri, presidente del Consiglio Siriano per il Cambiamento e membro dell'opposizione alla commissione costituzionale [en] del paese, ha confermato in un'intervista via e-mail con Global Voices che molte aree di Daraa stanno ora vivendo un inasprimento dell'assedio da parte delle forze del regime di Assad, come punizione per il rifiuto della città di riconoscere come legittimo il processo elettorale e il suo esito. Questo rifiuto, ha detto, è stato significativo in quanto è accaduto non solo nel centro città, ma anche nelle campagne orientali e occidentali della zona. Il risultato è stato un fallimento delle elezioni in tutto il governatorato, hanno detto gli attivisti, un evento senza precedenti nella storia del regime di Assad (sia del padre che del figlio).

L'attivista siriano per i diritti Ahmad Abazeid ha scritto su Twitter: 

 Immagini delle barriere di sabbia che le forze del regime di Assad hanno eretto all'ingresso di Daraa Al-Balad

    Il blocco e la chiusura delle strade sono iniziate il 24 giugno dopo la pressione dei Russi e la loro richiesta di consegna delle armi leggere rivolta alla popolazione di Daraa

Parlando a Mohammad (pseudonimo usato per motivi di sicurezza), un membro del Comitato Centrale di Daraa, incaricato di negoziare con il regime di Assad e la Russia, Global Voices ha appreso che Daraa è stata presa di mira subito dopo le elezioni. Parlando con noi, ci ha rivelato che è diventato gradualmente un assedio vero e proprio, che includeva la chiusura delle strade che conducevano ai quartieri di Daraa e Tareeq Al-Sadd, con barriere di sicurezza e cumuli di terra, ad eccezione di un singolo sbocco in cui le forze di sicurezza militari sono di stanza, dal quale esercitano pressione, inviano minacce, e trattengono e rapiscono i civili.

Nel descrivere la situazione umanitaria nella zona, il corrispondente da Al-Jazeera Omar Al-Hourani scrive:

Daraa Al-Balad
è una piccola città nel sud della Siria, in cui vivono circa 50 mila persone
che stanno ora soffrendo di un soffocante assedio militare imposto dal regime Siriano, e a causa di ciò  cibo, bevande, medicine e lo studio sono resi quasi inaccessibili.
Gli studenti non possono raggiungere le loro scuole e i pazienti non possono raggiungere centri medici e ospedali, specialmente bambini e donne,
e tutto questo per ragioni politiche legate alla sua posizione politica nei confronti delle elezioni presidenziali, ci auguriamo che tutti coloro che sentono la nostra voce cercheranno di aiutare questa regione afflitta per quanto possono

Provocazioni e procedure di sicurezza

Mohammad ha continuato dicendoci che il regime di Assad sta sostenendo questa escalation grazie al sostegno della Russia, che ha assunto il ruolo di garante nei negoziati dell’accordo transattivo del 2018, in base al quale il regime ha acquisito il controllo di Daraa. Secondo Mohammad, la Russia ha supervisionato i recenti inasprimenti, guidata dal generale ceceno Assad Allah, che è stato incaricato delle operazioni nel sud della Siria due mesi fa.

Per quanto riguarda il Comitato Centrale, ci dice inoe che ha resistito all'ingresso dell'esercito di Assad, il quale avrebbe avuto un’ ispezione come giustificazione, e ha respinto la richiesta del regime di abbandonare le armi [en]:

What remained of weapons are for personal use by some individuals. There are no longer any weapons left after the dissolution of the opposition factions and them handing over their weapons under the Settlement Agreement in exchange for the agreed conditions of the army withdrawing from cities and villages, the release of detainees, the lifting of the security grip and the return of employees to their jobs. However, none of these terms have been met.

Ciò che è rimasto delle armi è per l'uso personale di alcuni individui. Non ne sono rimaste dopo lo scioglimento delle fazioni dell'opposizione, e le loro armi sono state consegnate, rispettando i sensi dell'accordo transattivo in cambio delle condizioni concordate con l'esercito, che si  impegna a ritirarsi dalle città e dai villaggi, liberare i detenuti, togliere le restrizioni di sicurezza e a far tornare i dipendenti al loro posto di lavoro. Tuttavia, nessuno di questi termini è stato soddisfatto.

L'inasprimento militare era previsto, continua a dire Mohammad, soprattutto dopo lo schieramento di personale di sicurezza e la minaccia di aerei da guerra che volano sopra l'area. Nonostante ciò, i negoziati con il generale russo sono continuati, durante i quali i residenti hanno confermato che le loro armi non erano per scopi bellici, ma per autodifesa. “Non vogliamo la guerra, vogliamo sicurezza e stabilità”, ha aggiunto.

La “Siria politicamente utile”

Geopoliticamente, la posizione strategica della Siria è molto importante. Confina infatti con molti stati arabi, primo fra tutti la Palestina, e non a caso Al-hariri la definisce la “Siria politicamente utile”.

Dalla ripresa del controllo sul sud della Siria grazie al quadro dell’accordo transattivo del 2018, il regime di Assad ha lanciato, assieme a Mosca, numerose campagne militari, e ha minacciato un incremento delle ostilità nel governatorato di Daraa. Non ci sono stati miglioramenti sul fronte umanitario o della sicurezza; anzi, negli ultimi 3 anni la regione è stata teatro di violenza, arresti e omicidi. Citando l'Ufficio di Documentazione dei Martiri, un'entità indipendente che controlla il regime e  violazioni pro-regime nel sud della Siria, Naba News ha riferito che 173 persone sono state uccise e 75 ae ferite, con quasi 279 omicidi documentati nella prima metà del 2021, la maggior parte dei quali nella parte occidentale del Daraa.

In una Siria afflitta da gravi condizioni economiche[en], l'assedio ha aggravato le condizioni umanitarie. Lawrence Abu-Adam, un giornalista stazionato nell'area sotto assedio, ha riferito a Global Voices che le condizioni di vita stanno precipitando. Riferendosi al peggioramento della situazione sanitaria dopo gravi carenze di beni di prima necessità, e il blocco delle uniche strade che portano agli ospedali e centri medici della città, Lawrence definisce la situazione “tragica”. Ha inoe riferito che i giornalisti a lavoro nelle zone sotto assedio stanno ricevendo minacce, e adesso che il regime di Assad ha incluso i loro nomi negli elenchi di terrorismo e omicidio, le loro vite sono in pericolo.

Di conseguenza, appelli di solidarietà per Daraa sono cresciuti in tutto il mondo. Uno è stato fatto dal medico siriano che vive attualmente in Germania Maysoun Berkdar:

Dieci anni fa, Daraa ci ha dato il diritto di parola. Diamogli una voce oggi: Daraa è circondata e in pericolo. #Freedom4Daraa

Usando l'hashtag #break_the_siege_on_Daraa, molti attivisti e giornalisti arabi e siriani hanno lanciato sui social delle campagne di solidarietà verso Daraa. Ai hanno organizzato adunate per manifestazioni pacifiche, chiedendo la cessazione del blocco.

La giornalista palestinese Muna Hawwa ha scritto su Twitter:

Daraa è a tre ore e venti minuti di macchina lontana da Gerusalemme (ovvero la durate di due cazoni della cantante egiziana Umm Kulthum e un pianto). In un ao mondo, nello stesso giorno, potremmo mangiare Al-Malehi a Horan e bere del caffè con Kunafa a Nablus. Daraa è la culla, l'amore taciuto, e un pianto solitario. Nel suo nome, e nel nome della libera gente di Palestina, ecco #Daraa.

Sforzi e ricorsi

A livello internazionale, gli stati che sono stati coinvolti nella questione siriana non hanno commentato riguardo gli eventi attualmente in corso. Nel frattempo, attraverso svariati enti e istituzioni, l'opposizione siriana si è appellata alla comunità internazionale affinché intervenga, in modo da prevenire un disastro umanitario. Il Consiglio Siriano per il Cambiamento situato in Francia di Al-Hariri, ha incontrato direttamente diverse figure politiche con l'intento di adottare una presa di posizione netta e decisa sulla situazione, e la coalizione di opposizione siriana si è rivolta ad organizzazioni umanitarie straniere e responsabili politici internazionali.

A dispetto del regime e come espressione di fermezza, si sono tenute dei raduni a Daraa al-Balad il 2 luglio, nono giorno dell'assedio. Svariate zone del paese, includendo molti villaggi nello Idlib [it] a nord-ovest, si sono unite alle manifestazioni, chiedendo la fine dell'assedio e la caduta del regime di Assad:

Tra gli applausi stupendi, le proteste di Daraa continuano mentre il regime minaccia di prendere d'assalto la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.