Dopo settimane di esitazioni e l’aumento di infezioni COVID-19, i giamaicani affollano i centri vaccinali

 14 total views,  1 views today

“Le cose andranno peggio prima di andare meglio”

Il vaccino Pfizer per il COVID-19 è arrivato con un primo carico in Giamaica il 19 agosto 2021. Foto di Marco Verch Professional Photographer su Flickr, CC BY 2.0.

La faticosa battaglia della Giamaica contro la COVID-19 e la sua variante delta [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stata piena di colpi di scena. Il 24 agosto, terzo giorno della restrizione del “No Movement Day”, mirante a contenere un massiccio aumento di nuove infezioni, ha visto invece parecchio movimento intorno e nei centri di vaccinazione in diverse aree rurali, con la compiaciuta comunicazione del Ministero della Salute e del Benessere che sono state somministrate 21.000 dosi, un record.

Anche prima che la presenza della variante delta fosse confermata il 18 agosto, il numero di nuovi casi era in rialzo costante, e ora è pari al 90% del picco raggiunto il 19 marzo. Al momento c'è una media giornaliera di 625 nuove infezioni. Una parte di questa salita viene attribuita ai grandi eventi di intrattenimento che sono stati consentiti durante le vacanze per l'Emancipazione/Indipendenza a inizio agosto. Il 23 agosto sull'isola erano riportati quasi 14.000 casi attivi, con 149 pazienti in condizioni gravi negli ospedali.

La blogger e attivista per i diritti umani Susan Goffe ha dipinto un quadro cupo della situazione, osservando che i nuovi casi hanno raggiunto un numero record il 22 agosto:

We are in our third wave of Covid-19 in Jamaica […] indicators are all going in the wrong direction, with our vaccination levels too low to have any significant collective impact on the effects of this wave […]

The report issued [with data from August 23, 2021] saw a record number of new cases being confirmed — 879, the highest single day total since the start of the pandemic.

Our hospitals and medical personnel are being overwhelmed […] it is going to get worse before it gets better. Actions taken now, by the government and the people, can help to reduce further infections and further deaths. But downplaying what’s happening, wishing it weren’t so or ignoring the science will not.

Siamo nella terza ondata di Covid-19 in Giamaica […] gli indicatori vanno tutti nella direzione sbagliata, con i nostri livelli di vaccinazione troppo bassi per avere un impatto collettivo rilevante sugli effetti dell'ondata […]

La relazione pubblicata [con dati del 23 agosto, 2021] ha visto un numero record di nuovi casi confermati – 879, il totale di un solo giorno più alto dall'inizio della pandemia.

I nostri ospedali e il nostro personale medico sono sopraffatti […] le cose andranno peggio prima di andare meglio. Azioni adottate adesso, dal governo e dalla popolazione, possono aiutare a ridurre ulteriori infezioni e morti. Ma sminuire ciò che sta accadendo, desiderare che le cose non stessero così o ignorare la scienza non aiuterà.

Un carico di vaccino Pfizer, il primo di tre tranche donate dagli Stati Uniti, è arrivato in Giamaica il 19 agosto, e il lancio è cominciato solo due giorni dopo, il 21 agosto. Le 208.260 dosi sono state destinate alla fascia d'età tra i 12 e i 18 nella speranza che possano tornare alla scuola in presenza per ottobre. Nonostante una partenza lenta, la diffusione è aumentata rapidamente quando i numeri COVID hanno raggiunto picchi record nel fine-settimana, così che anche ad alcuni adulti è stato permesso di fare il vaccino Pfizer.

In uno sforzo per incoraggiare la popolazione a vaccinarsi, la moglie del primo Ministro Andrew Holness ha twittato una foto di famiglia dopo il vaccino del figlio adolescente:

Il nostro ragazzo ha fatto la prima dose di vaccino pfizer.
Incoraggio tutti i genitori a usare l'opportunità disponibile della vaccinazione per assicurarci che i nostri preziosi figli siano protetti e vaccinati. Facciamo tutti il nostro dovere in questo processo.

È stata anche sollevata la questione del consenso parentale perché i figli siano vaccinati. Dal momento che l'età del consenso in Giamaica è 16 anni, un gruppo di sostegno ai giovani ha affermato che a chiunque sia più grande non dovrebbe essere richiesto il consenso parentale:

Non sosteniamo affatto la vaccinazione indiscriminata di ragazzi senza che i loro genitori lo sappiano o siano coinvolti. Tuttavia, per legge i ragazzi di 16 anni e più possono dare il consenso per interventi medici, e non vediamo ragione per cui ciò non debba valere in questo caso.

Un sondaggio informale su Twitter condotto dal giornale Jamaica Gleaner ha concordato:

#TalkbackTuesday: un gruppo di sostegno ai giovani ha chiesto che agli adolescenti che hanno 16 anni o più sia consentito vaccinarsi senza consenso parentale. Siete d'accordo?

La spinta per le vaccinazioni si è gradualmente intensificata, con organismi come l'influente Private Sector Organisation of Jamaica che ha mobilitato i suoi membri a far vaccinare i loro dipendenti:

Grazie @GruppoCampari per aver unito le forze per far sì che il nostro settore produttivo sia completamente vaccinato!

Anche chiese aettanto influenti hanno partecipato prendendo parte a un webinar organizzato dal Ministero della Salute:

I leader della chiesa dicono amen ai vaccini https://t.co/4MjARNiZKj via @JamaicaObserver

Il Jamaica Council of Churches (JCC) ha poi rilasciato un comunicato stampa che supporta con forza la spinta vaccinale: un enorme passo avanti considerando che le preoccupazioni religiose erano state identificate come principale ragione dell’esitazione a vaccinarsi tra i giamaicani. Con il riferimento alla scienza come “un dono di Dio”, il comunicato del 23 agosto ha concluso dicendo:

We therefore implore, beseech and encourage all Jamaicans who have not yet been vaccinated to do so as soon as it is possible, sparing no effort or cost. In addition, we encourage continued adherence to the long-established protocols […]

Our understanding of the sanctity of life demands that we work in personal and communal settings to preserve life and the quality of life.

Pertanto imploriamo, preghiamo e incoraggiamo tutti i giamaicani che non si sono ancora vaccinati a farlo appena possibile, senza risparmio di sforzi o costi. In aggiunta, incoraggiamo la costante aderenza ai protocolli consolidati  […]

La nostra comprensione della santità della vita richiede che ci impegniamo in contesti privati e comunitari per preservare la vita e la qualità della vita.

Intanto ci sono stati dubbi di tipo logistico durante l'impegno vaccinale, con lamentele di sovraffollamento, persone che sono state allontanate, e almeno un centro rurale che ha finito le scorte di vaccino.

Ci sono stati dei dibattiti online riguardo al maggior interesse dei giamaicani per il vaccino Pfizer in opposizione all'AstraZeneca, che è arrivato in Giamaica il 20 luglio come regalo del Regno Unito.

Un'utente su Twitter ha parlato della propria esperienza:

Tutti i membri della mia famiglia in America hanno fatto lo Pfizer, io lo aspettavo in Giamaica, sapevo che era questione di tempo prima che gli Stati Uniti ci patrocinassero. Sono andata alla Merl Grove domenica e ci ho messo poco, sono andata lunedì per portare mia nipote e ho aspettato 4 ore, il posto era strapieno

Un ao utente ha invece ipotizzato che la corsa ai centri vaccinali sia scattata perché i giamaicani sono allarmati dal crescente numero di infezioni COVID-19 e dalle continue notizie di strutture ospedaliere sature:

Non aspettavano un vaccino specifico, è perché vedono la gente morire a breve distanza, vedono quanto sono pieni gli ospedali.

E tuttavia almeno un centro che offre AstraZeneca sembrava più silenzioso:

Lol, il centro Mona Ageing and Wellness fa soltanto Astrazeneca quindi era VUOTOOO. Lottate per Pfizer se volete ma smettetela di lamentarvi, un'aa opzione c'è.

L'interesse degli uomini per il vaccino Pfizer, ha ipotizzato scherzosamente un'opinionista, potrebbe essere stimolato dalla produzione di un ao farmaco da parte dell'azienda:

Apparentemente questo ha attirato l'attenzione di un sacco di uomini per Pfizer di recente

Onestamente, a questo punto ogni nota positiva che faccia vaxxinare gli scettici sarà una vittoria 😁

Qualunque sia la motivazione per farsi “vaxxinare”, il governo giamaicano tiene le dita incrociate perché lo slancio del giorno da primato continui. Essendo uno dei paesi con il più basso tasso di vaccinazione in America Latina e nei Caraibi, il paese deve darsi da fare per recuperare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.