EUROPA/FRANCIA – Le Missioni Estere di Parigi: una storia a servizio delle Chiese locali

 14 total views,  3 views today

Parigi – Sono oe di 360 anni che il MEP – acronimo della congregazione religiosa “Missioni Estere di Parigi” – ha il suo quartier generale al 128 Rue du Bac. Si trovano nel centro di Parigi e, allo stesso tempo, in tutto il mondo, perché questa comunità religiosa fondata a Parigi nel 1658 è oggi presente in 13 paesi dell’Asia e dell’Oceano Indiano.
La storia della Società delle Missioni Estere di Parigi inizia con il missionario gesuita Alexandre de Rhodes, convintosi – dopo i suoi soggiorni in Vietnam da dove era stato espulso in occasione di persecuzioni – che il futuro delle opere missionarie non poteva che passare attraverso la formazione di un clero locale. Nel 1649 il missionario gesuita chiese al Papa di sostenere l’invio in missione di vescovi incaricati di accompagnare la formazione dei sacerdoti locali.
Le proposte di Alexandre de Rhodes furono accolte con interesse, ma fu soprattutto dopo il 1653, con il suo arrivo in Francia, che l’idea del gesuita riscosse grande successo.
Nel 1659 il Papa riconobbe la nascita della Società delle Missioni Estere, e diede precise direttive ai missionari. Fin dal 1622, con la creazione della Congregazione di “Propaganda Fide”, la Santa Sedevolle promuovere l’azione missionaria, inoe vi era anche l’obiettivo di ridurre il monopolio del Portogallo e della Spagna nelle terre del Nuovo Mondo, che erano state appena divise con il Trattato di Tordesillas . Le consegne del Papa erano chiare: formare un clero autonomo e accompagnare la popolazione locale adattandosi a costumi e tradizioni locali.
“Non siate zelanti, non avanzare alcun argomento per convincere questi popoli a cambiare i loro riti, costumi e tradizioni, a meno che non siano palesemente contrari alla religione e alla morale. Cosa potrebbe esserci di più assurdo che trasportare la Francia, la Spagna, l’Italia o qualche ao paese d’Europa ai cinesi? Non presentate loro i nostri paesi, ma portate loro fede”, era scritto nelle Istruzioni romane del 1659.
Come spiega al’Agenzia Fides padre Etienne Frécon, recentemente nominato nuovo Vicario Generale del MEP, le principali azioni missionarie sono le stesse ovunque: sono la pastorale parrocchiale, la prima evangelizzazione e l’accompagnamento del clero locale.
Poi, i missionari si adattano a ciascun contesto, a seconda delle esigenze del Paese. Ad esempio, a Taiwan – da dove è appena tornato il nuovo Vicario Generale – l’impegno sociale è cresciuto abbastanza, in particolare nella diocesi di Hualien, con le popolazioni aborigene.
Insieme ai sacerdoti della congregazione – che oggi sono 180 nel mondo – da 15 anni circa 150 volontari sono inviati ogni anno in Asia e nell’Oceano Indiano. Questi giovani, tra i 20 ei 35 anni, partono per un’esperienza di missione che può durare da 3 mesi fino a 2 anni, al servizio delle chiese locali.
Nella sua storia, a partire dalla istituzione del MEP, sono stati inviati in missione quasi 4.500 sacerdoti. Tra questi, alcuni hanno vissuto il martirio a causa del loro servizio al Vangelo, e 23 di loro sono stati canonizzati dalla Chiesa.
Nel 1842 il seminario delle Missioni Estere ha accolto le spoglie di padre Pierre Borie, ucciso in Vietnam, e da quel momento nella Casa parigina del MEP verrà realizzata la stanza dei martiri. È un luogo di accoglienza e di visita per i visitatori, così come per le persone che vengono a rendere omaggio ai martiri.
Dopo tre secoli e mezzo di storia, la Casa Madre delle Missioni Estere di Parigi continua ad essere luogo di sensibilizzazione e di incontro, che trova il suo cuore missionario nella Cappella dell’Epifania, situata al centro del cortile d’ingresso al 128 di Rue du Bac.
Questa chiesa continua ad ospitare le solenni celebrazioni di invio dei missionari, che hanno scoperto – e che scoprono ancora oggi – il loro luogo di missione solo durante la cerimonia.

Link correlati :Guarda sul canale Youtube dell’Agenzia Fides il video reportage sul MEP