EUROPA/ITALIA – Per la prima volta un italiano Superiore Generale della Società per le Missioni Africane

Roma – L’Assemblea Generale della Società per le Missioni Africane SMA ha eletto il suo nuovo Superiore Generale, che guiderà l’istituto internazionale per i prossimi 6 anni. Per la prima volta è un italiano, ed è padre Antonio Porcellato.
Dopo un lungo periodo in Africa, dove assume incarichi di responsabilità nella nascente Provincia africana della SMA, risiedendo in Benin, Nigeria e Togo, padre Antonio torna a Genova nel 2007, eletto Vice-Provinciale per l’Italia. Nel 2013 diventa Vicario Generale della SMA, risiedendo nella casa generalizia di Roma, finché, pochi giorni fa, il Capitolo generale lo sceglie come 15° Superiore Generale nella storia dell’Istituto.
Subito dopo l’ordinazione sacerdotale, avvenuta nella sua parrocchia natale di Poggiana di Riese Pio X il 28/06/1980, il neo eletto Superiore Generale ha fatto un’esperienza di missione in Costa d’Avorio, ottenendo prima una Licenza in Teologia Pastorale all’ICAO di Abidjan, e poi lavorando nella parrocchia di San Pedro fino al 1985.
“L’Assemblea Generale – prosegue padre Prada – si riunisce ogni 6 anni, ed ha il compito di ‘custodire il patrimonio spirituale del nostro Istituto, valutare la sua vita e il suo lavoro per rinnovare le sue energie nel perseguimento della sua missione, pianificare il futuro’, come dicono le Costituzioni. Quest’anno è composta da 43 delegati, provenienti da vari Paesi di 4 continenti diversi”.
I padri capitolari riuniti a Roma dal 30 aprile al prossimo 24 maggio si stanno confrontando sul tema: ‘Una famiglia fedele al suo carisma missionario nel contesto complesso e mutevole di oggi’. “Si tratta di un momento molto forte di ascolto dello Spirito e di discernimento, nella comunione e nella fraternità. È un’occasione per rinnovare e rafforzare lo spirito di internazionalità che fin dall’inizio ha caratterizzato la SMA”, conclude p. Marco.

da: www.fides.org
I contenuti del sito sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale