Gaspara Stampa – O rive, o lidi, che già foste porto

O rive, o lidi, che già foste porto
de le dolci amorose mie fatiche,
mentre stavan con noi le luci amiche,
che sempre accese ne l’interno porto,
quanta mi deste già gioia e conforto,
tanto mi sète ad or ad or nemiche,
poi che ‘l mio sol (lassa, convien che ‘l diche!)
voi e me ha lasciato a sì gran torto.
Io cangerei con voi campagne e boschi
e colli e fiumi, là dove dimora
chi partendo lasciò gli occhi mei foschi,
e di tornar non fa pensier ancora,
non ostante, crudel, che ben conoschi
che, se sta molto, converrà ch’io mora.

23 Views
Don`t copy text!