Please visit our new website audiobookgratis.it. It's absolutely free!

Privacy Policy - Cookie Policy - Termini e condizioni di servizio




Sorry, but we don't accept any kind of donations.
But if you insist, you can help us indirectliy. Just subscribe our YouTube channel.

buying one of our books here (some of theme are also available for free download):

Il volto di Don Chisciotte [INFO] [BUY NOW] [E-BOOK PUB] [GET A FREE COPY] [AUDIO EXTRACT]
Debito Formativo [INFO] [BUY NOW] [E-BOOK EPUB] [KINDLE] [AUDIO EXTRACT]
Nunc et in hora mortis nostrae [BUY NOW] [AUDIOBOOK] [E-BOOK EPUB] [FREE PDF EDITION] [YOUTUBE]
Audiolibri Audible [LINK] [CURATELA LIBRIVOX]
Installare WordPress ed evitare lo stress [E-BOOK EPUB] [KINDLE]
Duepuntozero [BUY NOW] [FREE PDF EDITION]
Un giorno tutto questo dolore ti sarà inutile (never completed) [FREE ODT EDITION]
Difendere la Privacy (very, very old) [FREE PDF EDITION]

We support the Kiwix project (ZIM format) for reading Wikipedia, Wikisource, Wikinews, Wikibooks, Wikiquote, Wikihow, Wikiwoyage, Wikitionary, Wikiversity.
Project Gutenberg, Videos, Vikidia and Other Resources off line


Gianni Alfani – De la mia donna vo’ cantar con voi

De la mia donna vo’ cantar con voi,
madonne da Vinegia,
però ch’ella vi fregia
d’ogn’adorna bellezza che vo’ avete.
La prima volta ched i’ la guardai,
volsemi gli occhi suoi
sì pien’ d’amor, che mi preser nel core
l’anima isbigottita, sì che mai
non ragionò d’altrui,
come legger si può nel meo colore.
O lasso, quanto è suto il meo dolore
poscia, pien di sospiri
per li dolci disiri
che nel volger degli occhi vo’ tenete!
Di costei si può dir ben che sia lume
d’amor, tanto risplende
la sua bellezza adentro d’ogni parte:
ché la Danubia, ch’è così gran fiume,
e ‘l monte che si fende
passai, e in me non èi tanta p[ur] arte,
ch’i’ mi potesse difender che Marte
cogli altri sei del cielo
sotto ‘l costei velo
non mi tornasser, come voi vedete.
Deh, increscavi di me, donne, per Dio,
ch’i’ non so che mi fare,
si son or combattuto feramente:
ch’Amor, la sua mercé, mi dice ch’io
non le tema mostrare
quella ferita dond’ i’ vo dolente.
I’ l’ho scontrata, e pur di porla mente
son venuto sì meno
e di sospir sì pieno,
ch’i’ caggio morto e voi non m’acorrete.


I commenti qui sono chiusi.