Giovan Battista Marino – Gelosia – Vecchio importun, che ‘l rozzo labro irsuto

Reading Time: < 1 minute

Vecchio importun, che ‘l rozzo labro irsuto
sporgi al labro di lei, ch’io prego invano,
onde con Citerea sembri Vulcano,
ed ella par Proserpina con Pluto,

e mentre curvo e pallido e barbuto
accosti al bianco sen la rozza mano,
passero insieme e cigno, ascondi insano
giovinetto pensiero in pel canuto,

fuggi, ah fuggi meschin, né tanto possa
quel desir, che t’innebria i sensi sciocchi
e che t’empie d’ardor le gelid’ossa.

Sai ch’alberga la morte in que’ begli occhi,
e tu che ‘l piè su l’orlo hai dela fossa,
in vece di fuggir, la stringi e tocchi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: