Guittone d’Arezzo, Amor tanto altamente

Amor tanto altamente
lo meo entendimento
ave miso, che nente
aggio ardimento – di contare e dire
como di lei m’ha priso;
ma vista tal presento,
che lei ha certo miso
come ‘n suo segnoraggio meo desire.
A che di ciò m’aveggio,
certo celar nol deggio;
non che celar lo bene
che del segnore avene – fosse fallire,
(falla chi più piacente
nol fa, che ‘l ver consente),
ma a lo male dia
om ben donare obbria, – poi vol servire.
Eo, che servir talento,
la detta via tegno:
al male obbria consento,
al ben, che ‘n mente e ‘n viso ognor me sia;
e l’opra laudata
(di ciò metter son degno)
è sì, che sia cercata
a chi è d’alta donna en segnoria.
Se serve for fallenza,
che non aggia temenza
perché tant’alta sia,
ché già per gentilia – non vene orgoglio;
ma en ciò non fallire
li po gioia sentire;
ed omo che desia
de su’ par segnoria – laudar non voglio.
Tant’alto segnoraggio
ho disiato avere,
non credo aver ned aggio
al mondo par, secondo mia valenza;
e ciò considerando
quanto e dolze e piacere
su me distese amando,
vecino foi che morto di temenza.
Ma vaccio mi riprese
un pensero cortese:
com sempre gentilezza
face locare altezza – en pietanza.
Allor temor demisi,
fedeltà li promisi;
como l’avea en coraggio
lei feci prender saggio – per semblanza.
Poi ch’aprovò lo saggio
con fina conoscenza,
ch’era di fin omaggio,
ma’ fo suo segnoraggio – conceduto.
Nel suo chiarito viso
amorosa piagenza
fue d’alto core miso,
ch’el senza ciò non mai fora partuto.
Quando de ciò m’accorse,
tal gioia en cor me sorse,
che mi face affollire:
e veggio pur grazire – me ‘n sua plagenza.
Adonque non dannaggio
mi fa lo temor ch’aggio,
ma deggiol bene amare,
ché storbato m’ha fare – ver lei fallenza.
Fallenza era demando
far lei senza ragione;
poi veggio che, sì stando,
m’ha sovrameritato el meo servire.
Però ‘n tacer m’asservo,
perché già guiderdone
non dea cheder bon servo;
bisogna i’ n’ho, che ‘l chere ‘l suo servire,
se no atendendo m’allasso;
poi m’avvenisse, lasso! ,
che mi trovasse in fallo
sì come Prezevallo – a non cherere.
Verrei a presente morto!
Ma non tal penser porto,
né sì mala credenza,
ché sola conoscenza – halla in podere.
Va, canzone, a lei ch’ène
donna e segnor di mene,
e di’ che ‘n nulla cosa
che lei non sia gioiosa – e’ non so vago,
ma di starle servente
tacitore e soffrente;
e vo che di me faccia
tutto ciò che le piaccia; – ed e’ me pago.
Poi Mazeo di Rico,
ch’è di fin pregio rico,
mi saluta, mi spia;
e di’ ch’a ragion fia – el guiderdone
dea perder chi ‘l chiede;
e di ciò fagli fede,
che ‘l servir più dispregia
e guiderdon non pregia – a tal cagione.