Guittone d’Arezzo, Lasso, pensando quanto

Lasso, pensando quanto
meve tutto tenìa
en gran piacer la mia – gioiosa gioia;
e che sollazzo e canto
e ben tutto ch’avia
m’è or, per mia follia, – corrotto e noia;
e ch’entra gente croia
ed en selvaggia terra
mi trovo; ciò m’è guerra, – onde morria
de mie man, s’altri osasse
a ragion darsi morte.
Ahi, lasso, or foss’eo ‘n corte, – ov’om giugiasse
cui ver d’Amor fallasse – in pena forte!
Morte loco cherrea,
ché de pena menore
non porea meo follore – giugiarse bene;
poi lei, che ‘n terra è dea
de beltate e d’onore
e de tutto valore – che pregio tene,
fallio; ca, sua mercene,
non guardando meo stato,
m’avea sì pareggiato – en gioi d’amore
per sua gran cortesia,
non già perché mertato
l’avesse. Ahi, che peccato – è, per fe mia,
venir om che vil sia – in alto stato!
Non è poco el dolore
che qua m’ha preso e tene
lontan di tutto bene – e dove amico
non ho in lei, che fore
mi solìa trar di pene;
ma quanto veggio m’ène – e par nemico.
Piò male ho ch’e’ non dico
ed è neente a ragione:
ma s’eo vivo, cagione – n’è sola spene;
ché là, ov’ogn’altra cosa
m’è sì fallita in tutto,
de tollerme corrotto – essa non posa,
né metter mia dogliosa – alma in desdotto.
Così m’è solo amica
la mia dolze speranza,
che fammi doloranza – unque obbriare;
ché non voi già che dica,
ni deggia aver dottanza,
che possa spietanza – alcuna stare
en lei, ch’a non peccare
la ten sì conoscenza,
com’angel non potenza; – a ciò ch’usanza
e natura ha ‘n lei miso
quanto più po di bene,
ed onne contrar bene – ess’ha diviso:
per che perdon promiso – hamende spene.
Ben ho del perdon fede,
tanta ragion m’assegna;
ma no lo cor meo degna – aver ardire
de cheder lei merzede,
fin ch’e’ pena sostegna
tanto, che mendo vegna – al meo fallire:
e no mi fa soffrire
talento d’acquistare
a lei tosto tornare, – ov’a ben vegna;
ma, perché ‘n parte soe,
u’ po, come ‘n deserto,
prender de fallo om merto, – e’ qua steroe
en mal, mentre seroe – del mendo certo.
Va a le parte d’Arezzo,
canzon, e a lei di quale
spera m’aiuta e vale.
Remembranza mi sconforta e menaccia;
ma dì ch’a sua merzede
di tornar pur ho fede, – e voglio faccia
di me ciò che li piaccia – e ragion crede.